COMMUNITY di UraniaMania

Vai in fondo alla pagina
 
 
Urania Mania - Torna alla HomePage Home di UraniaMania Benvenuto Visitatore. Per favore Login oppure Registrati. 22 Novembre 2018, 12:30:32
Indice del ForumCercaLoginRegistrati
Home Forum | La Fantascienza e gli altri generi... | La Fantascienza in Generale | Discussione: quanto conosciamo della sf europea? ¬ęprec succ¬Ľ
Pagine: [1] Rispondi
  Autore  Discussione: quanto conosciamo della sf europea?  (letto 1077 volte)
Nick Parisi


Uraniofilo

*

Offline  Msg:533



W UraniaMania!!!



ProfiloWWW
quanto conosciamo della sf europea?
« data: 15 Dicembre 2013, 17:25:08 »
Cita

Ciao gente!
Vorrei chiedervi, se ne avete voglia, di partecipare a un giochino.
Tutti noi siamo appassionati di SF, tutti noi leggiamo autori americani, inglesi ...e quelle rare volte che li pubblicano anche autori italiani.
Però quanto conosciamo della produzione dei paesi europei? E sopratutto ci interesserebbe leggerli oppure della cosa non potrebbe fregarcene di meno?
Se avete voglia possiamo con questo post scambiarci un po delle nostre conoscenze e magari qualche nome.
Io nel mio piccolo conosco qualcosa delpa scena francese grazie a quel poco che Fanucci e Urania ha pubblicato in passato.
Jean- Claude Dunyach è ormai un buon amico, presto intervisterò Serge Lehman ed apprezzavo lo scomparso Roland Wagner mentre Pierre Bordage mi sembra un po sopravvalutato.
In generale la sf francese mi sembra pi√Ļ policizzata della nostra (oggi a sinistra in passato a destra) e surreale.
In Germania sembra che la sf sia molto popolare anzi che sia il paese con maggior numero di lettori dopo l' Inghilterra però i nomi di rilievo tra gli autori locali sono pochi: l' immancabile Andrea Eshbach, l' autore di best seller Frank Shatzing e Wolfgang Holblein ...che però scrive anche horror (e per essere sinceri secondo i maligni si limiterebbe a firmare i testi mentre scriverebbe tutto la moglie o due collaboratori)
In Russia fino alla caduta del muro la sf era l' occasione per criticare il sistema ma adesso anche con la morte dei fratelli Strutgarsky le cose sono cambiate.
In Italia √® stato tradtotto qualcosa di Lukyanenko e un romanzo di Anna Starobinec, mentre un mio amico della blogzine Il Futuro √® Tornato ha contattato un autore di nome Mikhail Akhmanov che ha raccontato cose interessanti: che a San Pietroburgo esiste una scena interessante (molta fuffa patriottica ma anche bravi autori), che l' autore pi√Ļ popolare in Russia era Harry Harrison e che in quel paese. Esiste la politica di scrivere seguiti delle opere americane spesso d' accordo con l' autore. E voi cosa ne pensate? Cosa ne sapete e quali nomi suggerireste?
Loggato
Vedi il profilo utente

Membro del Club: La Tana del TrifidePtertha Rosa anziano

WebMaster

*

Responsabile area:
Visualizza collane curate
Offline  Msg:4517



Papà mi dai libbo l'ulania?


Sta viaggiando verso Giove
14.3 %
GRIFONE1893
UM NCC 1983-A
Sta viaggiando verso Giove


Profilo E-Mail
Re:quanto conosciamo della sf europea?
« Rispondi #1 data: 15 Dicembre 2013, 17:54:26 »
Cita

Personalmente trovo che il francese Serge Brussolo sia un autore da annoverare tra i massimi; uno scrittore eccellente, allo stesso livello di Ballard se non superiore; purtroppo non sono in molti a pensarlo ed ho sentito dire che le sue apparizioni su Urania siano state violentemente contestate dai lettori al punto da provocare cali nelle vendite.
Di Brussolo apprezzo soprattutto lo stile poetico e visionario con cui riesce a rendere visibili e verosimili le sue storie al limite del surreale ed ogni incontro con una sua opera è sinora stata una sorpresa sotto ogni punto di vista.
Della SF europea conosco molto poco, limitandomi a quello che hanno proposto Urania e Galassia nel corso degli anni per cui ho avuto modo di leggere principalmente SF inglese tanto con i grandi come Clarke, Wyndham, Ballard, Maine, Tevis e Christopher, ma anche con i meno noti come Charles Logan (suo il bellissimo "Naufragio") e David Guy Compton (davvero eccellenti "I missionari" ed "E scese la morte").
Al di fuori della SF inglese ho avuto modo di apprezzare ovviamente Stanislaw Lem (principalmente con "Solaris" e "L'indagine") ed i fratelli Strugatski con il loro immaginifico "Stalker".
In ultimo c'è un'opera a me particolarmente gradita di SF "rumena" e cioè "Pianeta Morphy" di Adrian Rogoz, romanzo a sfondo scacchistico molto originale e ricco di spunti interessanti.
Loggato
Sto e-leggendo
I figli della follia - J. SOHL

...

5,90 'era già' troppo...

...

Un tempo questo forum era tutta campagna...
Nick Parisi


Uraniofilo

*

Offline  Msg:533



W UraniaMania!!!



ProfiloWWW
Re:quanto conosciamo della sf europea?
« Rispondi #2 data: 15 Dicembre 2013, 23:10:35 »
Cita


Citazione da: maxpullo il 15 Dicembre 2013, 17:54:26

Personalmente trovo che il francese Serge Brussolo sia un autore da annoverare tra i massimi; uno scrittore eccellente, allo stesso livello di Ballard se non superiore; purtroppo non sono in molti a pensarlo ed ho sentito dire che le sue apparizioni su Urania siano state violentemente contestate dai lettori al punto da provocare cali nelle vendite.
Di Brussolo apprezzo soprattutto lo stile poetico e visionario con cui riesce a rendere visibili e verosimili le sue storie al limite del surreale ed ogni incontro con una sua opera è sinora stata una sorpresa sotto ogni punto di vista.
Della SF europea conosco molto poco, limitandomi a quello che hanno proposto Urania e Galassia nel corso degli anni per cui ho avuto modo di leggere principalmente SF inglese tanto con i grandi come Clarke, Wyndham, Ballard, Maine, Tevis e Christopher, ma anche con i meno noti come Charles Logan (suo il bellissimo "Naufragio") e David Guy Compton (davvero eccellenti "I missionari" ed "E scese la morte").
Al di fuori della SF inglese ho avuto modo di apprezzare ovviamente Stanislaw Lem (principalmente con "Solaris" e "L'indagine") ed i fratelli Strugatski con il loro immaginifico "Stalker".
In ultimo c'è un'opera a me particolarmente gradita di SF "rumena" e cioè "Pianeta Morphy" di Adrian Rogoz, romanzo a sfondo scacchistico molto originale e ricco di spunti interessanti.



Brussolo piaceva anche a me, ho comunque sentito anche io delle violente proteste che il suo nome scatena tra gli appassionati. Probabilmente se venisse ristampato oggi incontrerebbe un destino diverso, chi lo sa?

Grazie per aver ricordato Stanislaw Lem che pochi ricordano...a proposito hai letto Il Pianeta del Silenzio?
E grazie anche per aver segnalato anche Rogoz che non conoscevo. Devo ammettere che di autori rumeni l'unico che conoscevo di quel paese √® Ion Hobana, ma solo perchp√® anni fa Gianfranco deTurris pubblic√≤ un suo racconto  su L'Eternauta.
A quanto pare in quel paese si utilizzava molto l'incursione del fantastico nella quotidianità, ma dopo la fine del comunismo pare che-a parte in Russia e in 'Ungheria- il genere sia entrato in crisi.
Qualcun altro ha nomi da segnalare?
Loggato
tehom


Collezionista

*

Offline  Msg:309



W UraniaMania!!!
Copertina Preferita


Profilo
Re:quanto conosciamo della sf europea?
« Rispondi #3 data: 15 Dicembre 2013, 23:28:41 »
Cita


Tanti anni fa ricordo di aver letto due romanzi di Herbert Franke, un autore tedesco (che non è il palindromo di Frank Herbert...) editi da Galassia che non erano affatto male, dovrei riprenderli per rinfrescarmi la memoria.
Altri autori europei ? Mi vengono in mente lo svedese Lundwall, attivo forse pi√Ļ nel fandom, e il francese Gerard Klein. Sulla nuova Futuro edita dalla Perseo sono stati pubblicati molti autori dell'Est Europa ma confesso di non averla mai frequentata.
Brussolo come Ballard
Max, ma che te sei fumato ????
Loggato
Nick Parisi


Uraniofilo

*

Offline  Msg:533



W UraniaMania!!!



ProfiloWWW
Re:quanto conosciamo della sf europea?
« Rispondi #4 data: 16 Dicembre 2013, 08:58:30 »
Cita


Citazione da: tehom il 15 Dicembre 2013, 23:28:41


Tanti anni fa ricordo di aver letto due romanzi di Herbert Franke, un autore tedesco (che non è il palindromo di Frank Herbert...) editi da Galassia che non erano affatto male, dovrei riprenderli per rinfrescarmi la memoria.
Altri autori europei ? Mi vengono in mente lo svedese Lundwall, attivo forse pi√Ļ nel fandom, e il francese Gerard Klein. Sulla nuova Futuro edita dalla Perseo sono stati pubblicati molti autori dell'Est Europa ma confesso di non averla mai frequentata.
Brussolo come Ballard
Max, ma che te sei fumato ????

Franke?  Non lo ricordavo, cavolo ...si vede che l' alzheimer precoce mi sta distruggendo.   :P
Grazie per averlo segnalato. Se non sbaglio dovrebbe aver scritto anche qualcosa della serie Perry Rodhan, a propositoqualcuno ne ha mai letto qualcosa di Perry Rodhan?
Loggato
Vedi il profilo utente

Membro del Club: La Tana del TrifidePtertha Rosa anziano

WebMaster

*

Responsabile area:
Visualizza collane curate
Offline  Msg:4517



Papà mi dai libbo l'ulania?


Sta viaggiando verso Giove
14.3 %
GRIFONE1893
UM NCC 1983-A
Sta viaggiando verso Giove


Profilo E-Mail
Re:quanto conosciamo della sf europea?
« Rispondi #5 data: 16 Dicembre 2013, 09:56:52 »
Cita

Diciamo che l'accostamento tra Brussolo e Ballard (a parte la "B" iniziale) è in effetti un po' azzardato e va spiegato un po' meglio (se mi perdonate l'OT).
Trovo che entrambi facciano spesso escursioni nel grottesco, nell'abnorme, nel distorto, soffermandosi ad esplorare gli abissi di pazzia che albergano nell'uomo e che entrambi riescano letteralmente a "cavare il sangue dalle rape", tramutando in poesia immagini e situazioni che normalmente provocherebbero solo disgusto (cadaveri mummificati, sanguinarie riunioni di famiglia, giganti annegati e persone che si auto-cannibalizzano).
Analogamente mi pare che entrambi abbiano abbandonato del tutto il sentiero trionfalistico tracciato da molti esponenti della SF americana ed europea (Hamilton, Vance, Asimov, Clarke solo per citarne alcuni): i loro protagonisti infatti sono sempre invariabilmente sconfitti da un cosmo che non è tanto ostile quanto piuttosto leopardianamente indifferente al loro agire e da situazioni paradossali ed assolutamente imprevedibili al punto che il loro unico (ed ultimo) rifugio è nella morte o nella follia.
Leggendo Ballard e Brussolo, inoltre, ho letteralmente l'impressione di "vedere" con la mente quello che hanno scritto e mi viene spontaneo accostarli tra di loro proprio per questa loro rara capacità di visualizzare immagini e situazioni e di fissarle come un pittore fa con un quadro (statue sonore, rovine che affiorando dal deserto, mostruose creature che vagano nella sabbia, tatuaggi che si muovono sotto la pelle, squali che agonizzano nelle pozzanghere).
Entrambi infine sono soliti non scrivere una riga in pi√Ļ del necessario e di non voler fornire una spiegazione per i fenomeni cui si imbattono i loro personaggi, preferendo una narrazione pi√Ļ visiva spesso a scapito della trama stessa.
Insomma: leggere Brussolo o Ballard mi da le stesse sensazioni che ho guardando un quadro di Magritte, Dalì o di De Chirico e non mi soffermo a guardare se le figure hanno le giuste proporzioni o se siano verosimili e realistiche, ma piuttosto mi gusto l'immagine come fosse la rappresentazione di un sogno ad occhi aperti.
Ma le analogie si fermano qui perch√® mentre Ballard ripete il suo esercizio pi√Ļ e pi√Ļ volte concentrandosi sulla psiche umana, sul drammatico impatto della sua sfida al cosmo e sul mistero del tempo, risultando - ai miei occhi - talvolta noioso (vedi "Terra bruciata" o "Foresta di cristallo"), Brussolo mi da l'impressione di avere un repertorio pi√Ļ variato e, anzich√® concentrarsi sull' "uomo", sembra piuttosto prediligere gli "ambienti" folli e impossibili in cui esso si trova ad agire (pianeti spazzati da venti inspiegabili, tunnel metropolitani chiusi, riserve di creature umanoidi troppo pericolose per essere messe in libert√†).
Al momento sono entrambi nell'empireo dei miei autori preferiti assieme a Brin, Dick, Sawyer, Shaw e Lovecraft e, come faccio per questi, mi centellino i loro romanzi che ancora mi rimangono da leggere, riservandomeli per il futuro...
Loggato
Sto e-leggendo
I figli della follia - J. SOHL

...

5,90 'era già' troppo...

...

Un tempo questo forum era tutta campagna...
Vedi il profilo utente

Membro del Club: La Tana del TrifidePtertha Rosa anziano

WebMaster

*

Responsabile area:
Visualizza collane curate
Offline  Msg:4517



Papà mi dai libbo l'ulania?


Sta viaggiando verso Giove
14.3 %
GRIFONE1893
UM NCC 1983-A
Sta viaggiando verso Giove


Profilo E-Mail
Re:quanto conosciamo della sf europea?
« Rispondi #6 data: 16 Dicembre 2013, 12:47:04 »
Cita

Ritorno nel topic con alcune altre segnalazioni.
Innanzitutto quella riguardante il tedesco Frank Schatzing che, di recente, ho potuto apprezzare nel kolossal "Il quinto giorno": un po' troppo ricco di "effetti speciali" e di colpi di scena all'americana, ma assolutamente imperdibile.
E poi, nell'ambito della SF europea non dobbiamo dimenticarci di quella nostrana che tanti capolavori ha saputo produrre nel corso degli anni.
La voglio introdurre limitandomi a ricordare i miei quattro autori italiani preferiti.
Il primo è Samy Fayad, semisconosciuto commediografo, scrittore e giornalista che negli anni '60 ha saputo regalarci due autentiche "perle" come "La collina di Hawotak" e "Ulix il solitario"; il secondo è Dario Tonani, il nostro "Dick nazionale", che con i suoi scritti ha letteralmente fondato il cyberpunk in Italia, regalandoci opere sensazionali come "Infect@" e "L'algoritmo bianco"; il terzo è invece Francesco Grasso, autore poco prolifico ma validissimo e che ha saputo scrivere due romanzi notevoli come "Al di là del muro" e "2038: la rivolta", ricchi di spunti interessanti.
L'ultimo è, naturalmente, Valerio Evangelisti che con il suo ciclo di Eymerich ha saputo portare la SF italiana laddove nessuno era riuscito ad arrivare.
Loggato
Sto e-leggendo
I figli della follia - J. SOHL

...

5,90 'era già' troppo...

...

Un tempo questo forum era tutta campagna...
Phantom Opera


Collezionista

*

Offline  Msg:73



W UraniaMania!!!



Profilo
Re:quanto conosciamo della sf europea?
« Rispondi #7 data: 16 Dicembre 2013, 13:24:34 »
Cita

Non l'ho letto ma parlano un gran bene di Andreas ESCHBACH.
Loggato
MILES VORKOSIGAN


Uraniofilo

*

Offline  Msg:1791



W UraniaMania!!!



Profilo
Re:quanto conosciamo della sf europea?
« Rispondi #8 data: 16 Dicembre 2013, 15:15:07 »
Cita


Di quelli menzionati da Max, ho letto solo 2 libri di Clarke , poi ho letto lo stupendo ciclo del vuoto di P. F. Hamilton, il meraviglioso dittico di C. Kapp La memoria dello Spazio e L'Arma del Caos, quel capolavoro che √® Solaris di Lem, INRI di Moorcock che mi √® bastato, un libro di I. Watson che lo lascio a chi ne √® innamorato, ho finito ieri Vita con gli Automi di J. White un buon libro ma sinceramente vado controcorrente con gli altri commenti dei forumisti, ora sto leggendo Il Prefetto di Alastair Reynolds.  Diciamo praticamente nulla.  Poi volevo dire a Max che W. Tevis √® statunitense,  :) forse lui intendeva Karen Traviss ???
« Ultima modifica: 16 Dicembre 2013, 15:16:24 di MILES VORKOSIGAN » Loggato
Sto leggendo


Nick Parisi


Uraniofilo

*

Offline  Msg:533



W UraniaMania!!!



ProfiloWWW
Re:quanto conosciamo della sf europea?
« Rispondi #9 data: 16 Dicembre 2013, 16:15:43 »
Cita


Citazione da: Phantom Opera il 16 Dicembre 2013, 13:24:34

Non l'ho letto ma parlano un gran bene di Andreas ESCHBACH.

Eschbach l'ho anche intervistato, se t'interessa ti metto il link http://wwwwelcometonocturnia.blogspot.it/2012/04/intervista-ad-andreas-eschbach.html

Di suo ho letto un paio di romanzi e ti posso dire che è uno scrittore molto classico in quanto a temi e stili.
Se mai avessi voglia di leggere qualcosa di suo ti consiglierei Nippon Story e Jesus Video
Loggato
Nick Parisi


Uraniofilo

*

Offline  Msg:533



W UraniaMania!!!



ProfiloWWW
Re:quanto conosciamo della sf europea?
« Rispondi #10 data: 16 Dicembre 2013, 16:20:43 »
Cita


Citazione da: maxpullo il 16 Dicembre 2013, 12:47:04

Ritorno nel topic con alcune altre segnalazioni.
Innanzitutto quella riguardante il tedesco Frank Schatzing che, di recente, ho potuto apprezzare nel kolossal "Il quinto giorno": un po' troppo ricco di "effetti speciali" e di colpi di scena all'americana, ma assolutamente imperdibile.
E poi, nell'ambito della SF europea non dobbiamo dimenticarci di quella nostrana che tanti capolavori ha saputo produrre nel corso degli anni.
La voglio introdurre limitandomi a ricordare i miei quattro autori italiani preferiti.
Il primo è Samy Fayad, semisconosciuto commediografo, scrittore e giornalista che negli anni '60 ha saputo regalarci due autentiche "perle" come "La collina di Hawotak" e "Ulix il solitario"; il secondo è Dario Tonani, il nostro "Dick nazionale", che con i suoi scritti ha letteralmente fondato il cyberpunk in Italia, regalandoci opere sensazionali come "Infect@" e "L'algoritmo bianco"; il terzo è invece Francesco Grasso, autore poco prolifico ma validissimo e che ha saputo scrivere due romanzi notevoli come "Al di là del muro" e "2038: la rivolta", ricchi di spunti interessanti.
L'ultimo è, naturalmente, Valerio Evangelisti che con il suo ciclo di Eymerich ha saputo portare la SF italiana laddove nessuno era riuscito ad arrivare.

... A me per essere sinceri è piaciuto anche il tuo commento off topic non condivido del tutto l'accostamento tra Ballard e Brussolo però è questa passione nel genere che cercavo quando mi sono iscritto a questo forum.
P.s Sai che Samy Fayad è spesso rappresentato nei teatri napoletani?
P.s 2: si Schatzing è molto hollywoodiano però "Il Quinto Giorno" condivido è fantastico.
Loggato
Nick Parisi


Uraniofilo

*

Offline  Msg:533



W UraniaMania!!!



ProfiloWWW
Re:quanto conosciamo della sf europea?
« Rispondi #11 data: 16 Dicembre 2013, 16:22:29 »
Cita


Citazione da: MILES VORKOSIGAN il 16 Dicembre 2013, 15:15:07


Di quelli menzionati da Max, ho letto solo 2 libri di Clarke , poi ho letto lo stupendo ciclo del vuoto di P. F. Hamilton, il meraviglioso dittico di C. Kapp La memoria dello Spazio e L'Arma del Caos, quel capolavoro che √® Solaris di Lem, INRI di Moorcock che mi √® bastato, un libro di I. Watson che lo lascio a chi ne √® innamorato, ho finito ieri Vita con gli Automi di J. White un buon libro ma sinceramente vado controcorrente con gli altri commenti dei forumisti, ora sto leggendo Il Prefetto di Alastair Reynolds.  Diciamo praticamente nulla.  Poi volevo dire a Max che W. Tevis √® statunitense,  :) forse lui intendeva Karen Traviss ???

Eh si  Tevis √® statunitense    
Grande Reynolds, condivido.
Loggato
Vedi il profilo utente

Membro del Club: La Tana del TrifidePtertha Rosa anziano

WebMaster

*

Responsabile area:
Visualizza collane curate
Offline  Msg:4517



Papà mi dai libbo l'ulania?


Sta viaggiando verso Giove
14.3 %
GRIFONE1893
UM NCC 1983-A
Sta viaggiando verso Giove


Profilo E-Mail
Re:quanto conosciamo della sf europea?
« Rispondi #12 data: 16 Dicembre 2013, 18:23:01 »
Cita

No no, il Tevis che intendevo era proprio Walter con tutti i suoi "mimi" e "uomini che cadono sulla terra"...
Mea culpa.

Però in compenso mi ero completamente dimenticato di Moorcock che, a parte il delirante "I.N.R.I.", trovo uno scrittore molto valido. Consiglio "Il veliero dei ghiacci" e "Il corridoio nero" entrambi apparsi su Galassia.
Ovviamente il mio apprezzamento è al netto della sua produzione in ambito fantasy di cui non ho letto nulla
Loggato
Sto e-leggendo
I figli della follia - J. SOHL

...

5,90 'era già' troppo...

...

Un tempo questo forum era tutta campagna...
Cletus

Membro del Club: La Tana del TrifideAvido Risucchiatore Cosmico

Collezionista

*

Offline  Msg:666



W UraniaMania!!!



ProfiloWWW
Re:quanto conosciamo della sf europea?
« Rispondi #13 data: 17 Dicembre 2013, 14:28:33 »
Cita


Citazione da: maxpullo il 16 Dicembre 2013, 12:47:04

Ritorno nel topic con alcune altre segnalazioni.
Innanzitutto quella riguardante il tedesco Frank Schatzing che, di recente, ho potuto apprezzare nel kolossal "Il quinto giorno": un po' troppo ricco di "effetti speciali" e di colpi di scena all'americana, ma assolutamente imperdibile.
E poi, nell'ambito della SF europea non dobbiamo dimenticarci di quella nostrana che tanti capolavori ha saputo produrre nel corso degli anni.
La voglio introdurre limitandomi a ricordare i miei quattro autori italiani preferiti.
Il primo è Samy Fayad, semisconosciuto commediografo, scrittore e giornalista che negli anni '60 ha saputo regalarci due autentiche "perle" come "La collina di Hawotak" e "Ulix il solitario"; il secondo è Dario Tonani, il nostro "Dick nazionale", che con i suoi scritti ha letteralmente fondato il cyberpunk in Italia, regalandoci opere sensazionali come "Infect@" e "L'algoritmo bianco"; il terzo è invece Francesco Grasso, autore poco prolifico ma validissimo e che ha saputo scrivere due romanzi notevoli come "Al di là del muro" e "2038: la rivolta", ricchi di spunti interessanti.
L'ultimo è, naturalmente, Valerio Evangelisti che con il suo ciclo di Eymerich ha saputo portare la SF italiana laddove nessuno era riuscito ad arrivare.


Ciao a tutti,

sono stato assente per un po' da questi lidi, ma ho tanti amici qui, per cui mi riaffaccio volentieri. Ringrazio Maxpullo per la citazione e le belle parole che mi hanno fatto molto piacere. E colgo l'occasione per augurare a tutti, di cuore, un sereno Natale e uno spumeggiante e fantascientifico 2014.

Au revoir
Cletus
Loggato
www.dariotonani.it
Pagine: [1] Page Top RispondiAbilita NotificaStampa
Home Forum | La Fantascienza e gli altri generi... | La Fantascienza in Generale | Discussione: quanto conosciamo della sf europea? ¬ęprec succ¬Ľ
Vai in:


Login con username, password e durata della sessione