COMMUNITY di UraniaMania

Vai in fondo alla pagina
 
 
Urania Mania - Torna alla HomePage Home di UraniaMania Benvenuto Visitatore. Per favore Login oppure Registrati. 24 Settembre 2018, 13:14:51
Indice del ForumCercaLoginRegistrati
Home Forum | La Fantascienza e gli altri generi... | Autori di Fantascienza | Discussione: Robert Franklyn Young «prec succ»
Pagine: [1] Rispondi
  Autore  Discussione: Robert Franklyn Young  (letto 514 volte)
Vedi il profilo utente

Membro del Club: La Tana del TrifidePtertha Rosa anziano

WebMaster

*

Responsabile area:
Visualizza collane curate
Offline  Msg:4512



Papà mi dai libbo l'ulania?


Sta viaggiando verso Giove
14.3 %
GRIFONE1893
UM NCC 1983-A
Sta viaggiando verso Giove


Profilo E-Mail
Robert Franklyn Young
« data: 02 Giugno 2011, 18:36:42 »
Cita

Si può certo dire che Robert Franklyn Young sia stata la vera molla che mi ha spinto a "creare" la collana "I capolavori di Maxpullo": vedere il modo in cui un autore così bravo ed originale era stato "trattato" dall'editoria italiana (sparpagliando i suoi racconti a destra ed a manca senza alcun criterio) mi ha fatto rabbrividire al punto che già lo scorso anno ho sentito l'esigenza di "riscoprirlo" dedicandogli ben due schede nella mia rubrica di recensioni.
Nella prima delle due, opportunamente intitolata Incontri casuali con il "poeta delle stelle" (che trovate qui), mi sono limitato a recensire l'unica antologia italiana a lui dedicata e precisamente quel "Glass of stars" che la collana Galassia ha pubblicato in due uscite come "Trenta di aveva Settembre" ed "Una coppa piena di stelle", lasciando fuori tuttavia due racconti bellissimi come "Il figlio stella" (Star Mother) e "Viaggio sul fiume" (On the River), apparsi sulle pagine di Urania.
Nella seconda recensione, invece, decisi di andare più a fondo, cercando per la prima volta di improvvisarmi curatore e di tirar fuori una sorta di antologia ideale ripercorrendo passo dopo passo tutte le sue apparizioni nelle pagine di Urania.
Questa seconda scheda, opportunamente intitolata Sulle tracce del "poeta delle stelle", è stata suddivisa per motivi di spazio in quattro parti che trovate ai seguenti link:
- Parte 1
- Parte 2
- Parte 3
- Parte 4

Le due schede contengono tutte ma proprio tutte le informazioni necessarie per una lettura "organica" dell'opera di questo autore, in barba agli editori italiani che non hanno mai saputo dargli la giusta collocazione nel panorama fantascientifico e relegandolo al ruolo di "minore" (sempre che questo aggettivo significhi qualcosa).
Personalmente mi sento di consigliare a tutti almeno la lettura di "Stazione di ricarica" (U421), "Il figlio stella" (U520), "La gigantessa" (U637), "PRNDL" (U758), "Anguilla stellare" (U777) ed "Il secondo esperimento di Philadelphia" (U1029), che sono a mio avviso le storie migliori per inziare a riscoprire il fascino e la bravura di un autore troppo a lungo dimenticato.
Loggato
Sto e-leggendo
I figli della follia - J. SOHL

...

5,90 'era già' troppo...

...

Un tempo questo forum era tutta campagna...
marben


Visitatore


 

E-Mail
Re:Robert Franklyn Young
« Rispondi #1 data: 02 Giugno 2011, 19:21:53 »
Cita

Young è uno dei tanti grandi dimenticati dall'editoria italiana. Autore di una produzione di racconti assai ampia che va dal 1953 al 1986 (anno della sua scomparsa), Young ha pubblicato anche quattro romanzi, nessuno dei quali edito da noi. Oltre all'antologia A glass of Stars in lingua inglese ne esiste anche un'altra (uscita qualche anno prima) intitolata The Worlds of Robert F. Young. Lippi, come lo vedi un bel UCZ o Millemondi dedicato a questo maestro dimenticato? In effetti di validi autori antichi e moderni completamente dimenticati dall'editoria nostrana ce ne sono talmente tanti che si potrebbe fare una collana (virtuale) dedicata solo a loro...
Loggato
Pagine: [1] Page Top RispondiAbilita NotificaStampa
Home Forum | La Fantascienza e gli altri generi... | Autori di Fantascienza | Discussione: Robert Franklyn Young «prec succ»
Vai in:


Login con username, password e durata della sessione