Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(52)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:730
 
Piace a 6 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 7.00
 
N.:   722
La stella della vita
Edmond HAMILTON
     Traduzione: Mario GALLI
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   8 Maggio 1977 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Star of Life, 1947, 1959
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   160
 
RISTAMPA del numero: 236
 
  Ultima modifica scheda: victory 05/02/2014-21:10:17
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Kirk Hammond è solo. Solo più di quanto lo sia mai stato nessun altro uomo. È stato affidato a una macchina perfettissima, che non doveva sbagliare, che doveva portarlo fra le stelle, e poi indietro, fra gli uomini. Invece la macchina ha sbagliato. Così adesso Kirk Hammond vive le ultime ore della sua vita in attesa del funerale più solenne che sia mai stato tributato a un essere umano. Tutto il mondo saprà della sua morte, tutto il mondo piangerà il primo pioniere dello spazio morto nello spazio. E lui? Forse prima di morire impazzirà. Ma aprendo il portello che lo separa dal gelo del vuoto eviterà che il mondo pianga un eroe morto pazzo di paura. Kirk Hammond apre il portello e pur sapendo con esattezza di essere morto, non muore. Da quel momento Hammond desidererà di non addormentarsi mai perché il sonno gli riporterà infallibilmente l'incubo di aver assistito alla propria morte.