Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Glystra Vedi il profilo utente 
astrologo astrologo 
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Sentinel Sentinel 
Visitatore Visitatori(36)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:799
 
Piace a 6 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 6.20
 
N.:   791
L'enigma di Hawkshaw
Ron GOULART
     Traduzione: Vittorio CURTONI
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   8 Luglio 1979 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Hawkshaw, 1972
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   152
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 07/02/2014-19:38:05
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Dopo "L'arma dei Walbrook" (1976), "Uomini, .. macchine e guai" (1977), "Watergate 2021" (1978), "La grande clessidra" (1978), "Nemo" (1979) e "L'imperatore degli ultimi giorni" (1979), Goulart continua la sua tardiva (è nato nel 1913) ma rapidissima ascesa nel campo della fs più arditamente futurologica. Perché quest'improvviso "boom" di un autore che fino a ieri era considerato quasi di fantasy, se non di fumetti? Il segreto del suo successo di "cronista del futuro prossimo" sta probabilmente nella sua particolare forma di ottimismo: non che, infatti, Goulart preveda per noi un avvenire più roseo (o meno nero) di quello che più o meno prevedono tutti; ma quello che non vede è perché ci si debba piangere sopra già adesso, e anzi perché, finché c'è tempo, non si possa anche riderci e divertircisi in qualche modo sopra.