Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(52)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:756
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 2 utenti
Media: 6.50
 
N.:   748
Micronauti in giardino
Gordon WILLIAMS
     Traduzione: Lella CUCCHI
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   7 Maggio 1978 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Micronauts, 1977
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   168
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 05/02/2014-21:29:27
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Il tema degli uomini miniaturizzati, ridotti cioè a dimensioni microscopiche, non è proprio nuovo in fantascienza, ma non è neppure dei più frequenti. A parte i lillipuziani di Swift e i terrestri che Micromegas (nel racconto di Voltaire) riesce a scoprire solo con una lente d'ingrandimento, la prima trattazione dell'argomento risale al 1956, quando Richard Matheson scrisse "Tre millimetri al giorno" (da cui il noto film). Dieci anni dopo, nel 1966, Asimov ripeté l'operazione in senso inverso, traendo "Viaggio allucinante" dal celebre film in cui un sommergibile e dei sommergibilisti microscopici viaggiano a scopo chirurgico nelle vene di un malato. Ma oggi, dopo altri dodici anni, Gordon Williams ci ripropone il tema con ben altra plausibilità: su una Terra minacciata ogni giorno di più dall'affollamento e dalla fame, la sua operazione micronauti ha disgraziatamente la più ovvia e la più urgente delle ragioni...