Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(59)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:620
 
Piace a 5 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 5.92
 
N.:   612
Dove sparivano le navi
A. Bertram CHANDLER (ps. di Arthur Bertram CHANDLER)
     Traduzione: Bianca RUSSO
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   18 Febbraio 1973 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Sea Beasts, 1971
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   160
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 10/09/2018-12:28:45
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
In quell'immenso arcipelago che è l'oceano Pacifico cominciano a sparire le navi. Non transatlantici o grandi petroliere, niente di sensazionale, niente che meriti più di un trafiletto. Ma c'è un giornalista australiano a mettere insieme, di trafiletto in trafiletto, una serie preoccupante di indizi: piccoli mercantili, traghetti, panfili privati, pescherecci, vecchie carrette conradiane non arriveranno mai a destinazione. Qualcuna viene trovata alla deriva senza anima viva a bordo; ma la maggior parte si è come volatilizzata nella breve rotta da isola a isola, da atollo ad atollo. È un ritorno alla pirateria? Una qualche nuova e fatale turbolenza atmosferica? O uno dei tanti, leggendari mostri marini che sale dagli abissi in cerca di vittime umane? Il solo modo di sapere la verità, di andare a fondo di queste coincidenze forse puramente casuali, è di prendere una vecchia carretta e incrociare con pazienza nelle acque sospette. La pazienza non del pescatore, ma dell'esca.