Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(52)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Costa bianca (I Romanzi di..)

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:59
 
Piace a 8 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 7.71
 
N.:   59
Stella doppia 61 Cygni
Hal CLEMENT (ps. di Harry Clement STUBBS)
     Traduzione: Tom ARNO (ps. di Giorgio MONICELLI)
     Copertina: Curt CAESAR
 
Data:   20 Ottobre 1954 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Mission of Gravity, [1953]
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 200
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   128
 
Ristampato nel numero: 734
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 05/11/2018-13:26:47
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Nel 1942, l'astronomo americano K. A. Strand annunciava che la stella doppia 61, nella costellazione del cigno, aveva un satellite di massa planetaria, gravitante intorno al suo sole (una delle componenti il sistema binario 61 Cygni) in poco meno di cinque anni. La massa di questo pianetra extra-solare era stata calcolata dallo Strand circa 16 volte superiore alla massa di Giove. Sebbene nei mesi successivi fossero fatte altre segnalazioni di corpi planetari gravitanti intorno ad altri Soli (per esempio il satellite della stella 70 Ophiuchi, con una massa dieci volte superiore alla massa di Giove, e il satellite di Proxima Centauri, la stella a noi più vicina, il quale non sarebbe che il doppio della massa di Giove!), pure la comunicazione dello Strand è delle più sensazionali: per la prima volta la scienza poteva ufficialmente annunciare l'esistenza di pianeti al di là del sistema solare! E' sul satellite planetario scoperto dallo Strand che Hal Clement, astronomo egli stesso e insegnante di matematica a Cambridge, si è ispirato per questo suo affascinante romanzo. Immaginate che cosa possa significare vivere su un immenso pianeta, la cui atmosfera è prevalentemente composta d'idrogeno, metano e ammoniaca; dove la forza di attrazione gravitazionale è circa tre volte all'equatore quella della Terra, ma per l'enorme schiacciamento dei poli sale a quasi 700 volte nelle regioni polari; dove dato il velocissimo moto di rotazione del pianeta il sole sorge e tramonta ogni venti minuti, mentre un altro sole, molto più lontano, illumina il cielo senza illuminarlo; dove infuriano tempeste e cicloni apocalittici; e dove una spedizione di scienziati terrestri aiuta e si fa aiutare da un popolo di strane creature: bizzarri crostacei anfibi, intelligentissimi, incredibilmente forti e tenaci, che hanno la passione della meccanica e della matematica. Il romanzo è uno dei più convincenti e affascinanti che la fantascienza abbia prodotto. Leggerlo significa soprattutto "ricordare"!