Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
wawawa wawawa 
Visitatore Visitatori(67)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Collezione - Mondadori - Serie nera

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:4877
 
Piace a 24 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 9.62
 
N.:   001
Io, Robot
Isaac ASIMOV
     Traduzione: Laura SERRA
     Copertina: Franco BRAMBILLA
 
Data:   Marzo 2003 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   I, Robot, 1950
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   125 x 180
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   308
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 25/08/2012-14:44:38
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Nel 1965, sotto le insegne della Junior (una piccola casa editrice fondata per l'occasione), decisi di proporre al pubblico italiano la versione tradotta da me personalmente di una serie made in Usa che poteva contare sui magnifici disegni di Russ Manning. Il protagonista si chiamava Magnus, e si muoveva in un universo futuro indiscutibilmente vicino alle invenzioni narrative del grande lsaac Asimov, dove i robot avevano preso il potere approfittando dell'ignavia degli umani, troppo abituati a lasciar fare tutto agli automi. Insomma, per ironia della sorte proprio io, che ero da sempre un estimatore di Asimov, diffondevo una pubblicazione in cui le sue Tre Leggi della Robotica erano completamente stra volte...
dalla prefazione di Sergio Bonelli
Le Tre Leggi della Robotica:
1. Un robot non può recare danno agli esseri umani né permettere che, a causa della propria negligenza, un essere umano patisca danno.
2. Un robot deve sempre obbedire agli ordini degli esseri umani, a meno che non contrastino con la Prima Legge.
3. Un robot deve proteggere la propria esistenza, a meno che questo non contrasti con la Prima o la Seconda Legge.
Manuale di Robotica, 56a Edizione, 2058 dc.