Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(46)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Omnibus Gialli - Mondadori - Omnibus gialli seconda serie (telati)

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:29733    
 
Piace a 1 utente
Non piace a 0 utenti
Media: 7.00
 
N. Volume:   116
Titolo:   Bencolin della polizia di Parigi
Autore:   John Dickson CARR
   Traduzione: Autori VARI
   Copertina: Ferenc PINT√ČR
 
Data Pubbl.:   Aprile 1993 ISBN:    8804372605
Titolo Orig.:  
Note:   Contiene 3 romanzi
 
Genere:   Libri->Gialli
 
Categoria:   NON FANTASTICO Rilegatura:   Cartonato
Tipologia:   Principali Dimensioni:   135 x 215
Contenuto:   Antologia  N. pagine:   506
 
 
  Ultima modifica scheda: Fantobelix 18/04/2015-18:01:53
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Il mostro del plenilunio
Un delitto impossibile... insomma, non ci sono passaggi segreti; l'assassino non era nascosto nella stanza; non è uscito dalla finestra; non è uscito dalla porta del salone, che io tenevo d'occhio, e nemmeno dalla porta dell'atrio, sorvegliata da Francois... Ma non era lì, quando siamo entrati. Eppure, un assassino aveva decapitato la sua vittima, in quella stanza; se c'è un caso in cui non si può pensare che il morto si sia tolto la vita con le sue mani, è proprio questo.

L'arte di uccidere  
¬ę Spesso lavoro qui di notte e, generalmente, tengo le tendine abbassate; ma alcune sere fa, stavo preparandomi per uscire e avevo spento la luce, quando pensai di aprire la finestra per arieggiare un poco la stanza. Era una notte di nebbia, ma di quelle nebbie a banchi, che qualche volta si spostano permettendo una visibilit√† perfetta. Non c'era luce, di fronte. Mi sporsi dal davanzale, e allora udii qualcuno camminare nel vicolo qui sotto. C'era troppa nebbia per distinguere una figura laggi√Ļ, ma i passi continuarono fino alla porta posteriore attraverso la strada. Poi udii il rumore di una chiave nella toppa e l'aprirsi e il richiudersi della porta ¬Ľ. Bencolin, l'ispettore della polizia francese, √® ancora una volta al centro di un'atmosfera gravida d'incubi; sferra un'impegnatissima lotta contro un criminale, un criminale raffinato che √® giunto ad architettare addirittura con arte un omicidio. La raffinatezza di questa abnorme e feroce arte avr√† com'√® giusto un'incrinatura, sulla quale il maglio possente dell'astuzia di Bencolin batter√† ora per ora, fino a fare di quell'incrinatura una voragine in cui l'astuto omicida precipiter√† inesorabilmente.

Sfida per Bencolin
Myron Alison √® un famoso idolo del palcoscenico. Le sue conquiste amorose sono sulla bocca di tutti, ma Myron diventa addirittura un eroe la notte in cui muore arso vivo e con tre pallottole in corpo. Palcoscenico per l'ultimo atto della sua vita, un castello a forma di teschio in riva al Reno. La morte dell'attore √® un rebus e Bencolin, il poliziotto francese, sulle tracce di un vecchio paio di scarpe infangate, di un amore illecito e di un cadavere incatenato, tirer√† gi√Ļ il sipario, dopo aver fatto luce sul pi√Ļ terrificante delitto della sua carriera.