Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
erberto erberto Amico di Urania Mania
miky1 miky1 Amico di Urania Mania
Visitatore Visitatori(72)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Galassia - La Tribuna - Scritta Galassia nel riquadro colorato

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:2965
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   150
Autocrisi
Piero PROSPERI
     Copertina: Ludovico DE LUIGI
 
Data:   15 Settembre 1971 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:  
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   124 x 184
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   160
 
 
  Ultima modifica scheda: Tony Lee 22/11/2015-10:19:40
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Siamo particolarmente lieti (e la frase non suoni di pura e semplice circostanza, giacché così non è) di poter presentare al nostro pubblico un romanzo italiano, dopo tanti anni di silenzio su questo fronte; e siamo certi, viste le più che buone accoglienze già riservate alle due antologie da noi curate con Gianfranco de Turris, che anche a quest'opera toccherà un giudizio assolutamente onesto e sincero, scevro di pregiudizi campanilistici o esterofili. Se fino ad oggi la produzione italiana di romanzi di fantascienza è stata relativamente scarsa, buona parte della colpa si deve proprio all'inesistenza d'un mercato interno; il che ha fatalmente costretto gli autori a rinunciare ai progetti più ambiziosi, o addirittura a tenersi nel cassetto lavori già pronti. E proprio questo è il caso di Autocrisi, romanzo scritto da Prosperi diversi anni or sono, e noto sino ad oggi ad una limitatissima cerchia d'appassionati. Nonostante i suoi indubbi meriti, l'opera era rimasta inedita; e, modestia a parte, vogliamo sottolineare di essere stati noi gli artefici del suo recupero, proprio in vista di quella politica editoriale già delineata nelle introduzioni a Destinazione Uomo e a Amore a quattro dimensioni. Piero Prosperi è autore già noto a quanti seguono il campo italiano dai suoi inizi: ha pubblicato molti (e sovente eccellenti) racconti su Oltre il Cielo, Interplanet, Futuro, e un po' su tutte le fanzines. Venticinquenne, laureato in architettura, attualmente sotto le armi, dotato d'un'aria notevolmente ascetica e d'un inconfondibile parlata fiorentina, Prosperi è uno dei pochi scrittori specializzati italiani che abbiano continuato per anni, con invidiabile serietà, a lavorare nel campo. Proprio il fatto che egli abbia scritto questo romanzo, nonostante la pressoché completa impossibilità di pubblicarlo, testimonia pienamente il suo impegno. Due sono i temi a lui più cari: gli universi paralleli (su cui sta scrivendo un nuovo romanzo, che speriamo senz'altro di poter presentare al più presto) e le automobili. Autocrisi, come già il titolo indica chiaramente, s'inserisce in questo secondo filone; e svolge nella sua trama alcuni temi classici della science-fiction (la scoperta di un'altra razza intelligente, i contatti con un altro pianeta), ma con un'angolatura tutta personale, che non sapremmo definire altrimenti che automobilistica.
Un'operazione, questa, piuttosto curiosa, che non ci risulta sia mai stata tentata da nessun altro autore; e risolta in una narrazione fluente, semplice ma cattivante, con precise scelte nell'impianto della sceneggiatura, vivificata dall'apporto di quei frammenti che danno continuamente il quadro generale della situazione. Semmai, se ci è permesso fare un appunto a Prosperi, vorremmo notare come lo scioglimento finale sia un po' troppo semplicistico (e magari anche utopistico, considerata la situazione politico-economica del mondo contemporaneo); ma è un difetto sostanzialmente marginale, che nulla toglie alla serietà e alla piacevolezza del romanzo. In appendice si trovano inoltre alcuni racconti di nuovo centrati sul tema dell'automobile, per dare una panoramica più esatta delle tendenze dell'autore.
Chiudendo queste brevi note (meglio ci sembra lasciare immediatamente il lettore, di cui attendiamo ovviamente il giudizio, al romanzo) vogliamo semplicemente dire che Autocrisi è il primo, grosso passo che la nostra rivista fa per stimolare gli autori italiani a produrre opere di vasta portata. E mentre possiamo già ufficiosamente annunciare la prossima uscita d'un romanzo di Miglieruolo (Come ladro nella notte), rinnoviamo il più caldo invito a tutti quanti a sottoporci i loro manoscritti. Non siamo rimasti insensibili al grido di dolore... Scherzi a parte, anche noi ci stiamo provando. Adesso o mai più.