Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(65)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Cosmo Oro - Nord - Serie moderna

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:2685
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.67
 
N.:   183
L'attacco di Mondo
Bob SHAW
     Traduzione: Marco PENSANTE
     Copertina: Jim BURNS
 
Data:   Febbraio 2000 ISBN:    8842911275
Tit.Orig.:   The Wooden Spaceships, 1987
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura con sovraccoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   125 x 195
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   320
 
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 12/10/2018-17:15:23
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Ventitrè anni dopo essere fuggiti da Mondo a causa del pericolo di venire eliminati dal veleno dei Ptertha ed aver raggiunto con navi aerostatiche il pianeta gemello Sopramondo che ruota vicinissimo al loro pianeta d'origine, tanto che le due atmosfere quasi si toccano, la popolazione di Mondo ha colonizzato il pianeta, e la vita scorre pacifica, anche se il ricordo disperato della loro terra è sempre vivo. Ma improvvisamente i coloni vedono il cielo animarsi di aeronavi: sono dei superstiti di Mondo, diventati immuni al veleno dei Ptertha, che considerano vigliacchi chi li ha abbandonati per fuggire sul pianeta gemello. Essi hanno ricostruito la loro società, e guidati da un ambizioso Signore hanno deciso di conquistare Sopramondo. E' l'inizio di una sanguinosa guerra fratricida, combattuta nel cielo da rudimentali navi aerostatiche per lo più costruite di legno, poiché i due pianeti non avendo minerali ferrosi, hanno basato il loro sviluppo tecnologico su fonti alternative.