Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(57)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Cosmo Oro - Nord - immagine riquadro grande

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:2599
 
Piace a 5 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 8.20
 
N.:   97
Tutti a Zanzibar
John BRUNNER (ps. di John Kilian Houston BRUNNER)
     Traduzione: Renato PRINZHOFER
     Copertina: John HARRIS
 
Data:   Dicembre 1988 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Stand on Zanzibar, 1968
Note:   Premio Hugo 1969
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura con sovraccoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   125 x 195
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   608
 
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 21/09/2018-18:39:34
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Fantastico come la realtà. Scientifico come la fisica e la filosofia, come la musica e la matematica, come la sociologia e il sogno. Imprudente e intransigente. Estremista, esoterico, eccessivo. Rivoluzionario come la rivoluzione di domani. Profondamente umano. Questo è "Zanzibar", il mitico "Zanzibar" - libro segreto della fantascienza moderna. I protagonisti più diretti della vicenda - Hogan e House - hanno in comune qualcosa di più che l'appartamento in cui coabitano, la sequela di "sfinfie" che passano per i loro letti, e la H iniziale del nome. Sono due giovani che, scavalcando i propri problemi personali, vengono travolti ai due capi del mondo dai destini rispettivi, positivo per l'uno, negativo per l'altro, ma entrambi su scala globale e drammaticamente condizionati dalle strutture del potere. Intorno a loro si frantumano le storie private e struggenti d'innumerevoli persone d'ogni genere e tipo: è tutto un mondo futuro visto da dentro, nei suoi tic, nei suoi costumi, nel suo linguaggio, nella sua fiera delle vanità, nella sua sopraffazione televisiva, nella sua condizione d'incomunicabilità. L'idolo e l'oracolo di questo mondo è Shalmanéser, il supercervello elettronico che acquista autocoscienza NON come i suoi creatori forse speravano, bensì nella salutare semplicità della logica. II suo colloquio con Chad Mulligan - barbone milionario, scrittore disperato per l'impossibilità di parlare la lingua del semplice buonsenso senza sembrare paradossale - è un momento di grande e civile emozione. Su tutto incombe l'esplosione demografica. All'inizio, l'intera umanità potrebbe stare, ritta in piedi, sull'isola di Zanzibar; alla fine è con i piedi nell'acqua. Il mondo di "Zanzibar" si è già in parte avverato: le multinazionali, la guerriglia urbana, il terrorismo, l'"amplificazione" militare, persino una specie di Papa Eglantine... A quando la politica di selezione eugenetica?