Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Algernon Algernon 
zecca_2000 zecca_2000 
Nick Parisi Nick Parisi 
Visitatore Visitatori(61)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Superblues - Mondadori

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:25263
 
Piace a 4 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 8.50
 
Il rosso di Marte
Kim Stanley ROBINSON
     Traduzione: Maurizio CARITĂ€
     Copertina: Massimo ROSESTOLATO
 
Data:   Giugno 1995 ISBN:    8804404124
Tit.Orig.:   Red Mars, 1993
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Cartonato con sovracoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   234 x 160
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   420
 
 
  Ultima modifica scheda: Algernon 09/04/2015-10:43:52
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Da migliaia di anni, violente tempeste di sabbia spazzano la desolata superficie di Marte, pianeta dell'incubo, meta senza speranza per i sogni di conquista dei terrestri. Ma nel 2026 questo mondo inospitale sembra meno lontano: cento pionieri, uomini e donne, partono per una spedizione verso il pianeta rosso, per prepararlo alla successiva colonizzazione. E un compito impegnativo, che porterĂ  a una trasformazione fisica completa di Marte. Ma le difficoltĂ  che li attendono non sono nella realizzazione dei grandi specchi che cattureranno i raggi del sole, o nello scavo di profonde gallerie per portare in superficie i gas imprigionati nel sottosuolo. Sono nel segreto dei sentimenti che i coloni si portano dietro. Al termine di questa avventura Marte avrĂ  cambiato volto, e la nuova frontiera porterĂ  per sempre un'impronta che non avremmo mai potuto immaginare.