Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Kolok Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
ciccio ciccio 
Visitatore Visitatori(65)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Cosmo Argento - Nord - immagine riquadro piccolo

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:2189
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 6.00
 
N.:   84
Il pianeta dell'esilio
Ursula LE GUIN (ps. di Ursula Kroeber LE GUIN)
     Traduzione: Riccardo VALLA
     Copertina: Cesare REGGIANI
 
Data:   Febbraio 1979 ISBN:    8842900923
Tit.Orig.:   Planet of Exile, 1966
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Cartonato con sovracoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   124 x 195
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   156
 
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 14/10/2018-17:28:55
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Pianeta dell'esilio, come Il mondo della foresta e I reietti dell'altro pianeta, fa parte del grande affresco di storia futura in cui si inseriscono quasi tutte le opere scritte da Ursula Kroeber Le Guin dall'inizio della sua carriera letteraria ad oggi. Il ciclo Hainita, composto di sei romanzi e di molti racconti, può essere ormai paragonato, per ariosità e per bellezza, alle grandi "storie future" della fantascienza classica, a partire da quella di Heinlein e da Foundation di Asimov, per arrivare fino al ciclo della Lega Polesotecnica di Poul Anderson e a quello dello Spazio Conosciuto di Larry Niven.
Pianeta dell'esilio narra la vicenda della colonia terrestre di Landin sul lontano pianeta Eltanin: i coloni, rimasti isolati e abbandonati a se stessi dopo il crollo della civiltĂ  umana, conducono una lotta ostinata ma senza speranze contro gli assalti delle orde dei barbari Gaal e dei mostruosi "ghoul" della neve, ma soprattutto contro il terribile inverno del pianeta, lungo ben quindici anni terrestri. Ma non sono soli; i nativi Hilf, un popolo umanoide di cultura nomade, sono ad essi accomunati in questa improba contesa con le forze della natura, e l'unica speranza di sopravvivenza delle due razze sta appunto nell'unione e nel superamento delle incomprensioni e delle diffidenze reciproche.