Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(53)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Cosmo Argento - Nord - immagine riquadro piccolo

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:2169
 
Piace a 1 utente
Non piace a 0 utenti
Media: 6.00
 
N.:   63
Astronave Stardust
Stephen TALL (ps. di Compton Newby CROOK)
     Traduzione: Giampaolo COSSATO e Sandro SANDRELLI
 
Data:   Giugno 1977 ISBN:    9788842900726
Tit.Orig.:   The Stardust Voyages, 1975
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Cartonato con sovracoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   124 x 195
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   172
 
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 14/10/2018-17:09:25
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
La Stardust ├Ę un'astronave esplorativa specializzata nel visitare pianeti abitati da forme di vita bizzarre e lontane da quella umana, e nel presente volume sono descritti alcuni dei suoi viaggi pi├╣ fruttosi. Il suo piccolo equipaggio incontra di volta in volta un pianeta su cui una grandissima cultura indigena sta per morire, distrutta dal proprio sole, oppure dove esistono varie razze di animali intelligenti e telepatici (e l'incauto pescatore che aggancia all'amo una locale "rana" si sente investire da un ricco assortimento di insulti mentali!), o un pianeta dove un singolo individuo mutante, ormai grande come una piccola collina, tiene schiavi i propri "cugini", obbligandoli a nutrirlo, a nutrirlo... senza fine.
Stephen Tall costruisce in modo convincente i suoi enigmi di biologia extraterrestre, e ci presenta una galleria di forme di vita plausibili e convincenti (e la simpatia che sanno suscitare in noi contribuisce a renderle convincenti: forse non incontreremo mai umanoidi alati come quelli che Tall ci descrive, ma la cosa ├Ę certamente un male), impostata sul convincimento che le forme di vita aliene non siano altro che una maniera di scoprire altre sfaccettature di noi stessi. Convincimento quanto mai rinfrescante, dopo tutti gli alieni minacciosi e antropofagi che abbiamo visto nella fantascienza. . .