Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
nollicus Vedi il profilo utente 
stalker1 stalker1 
Visitatore Visitatori(47)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
Copia Scheda
 

Vai in fondo alla pagina
 
 

Copia Trama
Copia Indice

 
   
 

Cosmo Argento - Nord - immagine riquadro piccolo

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:2161
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.50
 
N. Volume:   55
Titolo:   Sfera orbitale
Autore:   Bob SHAW
   Prefazione: Riccardo VALLA
   Traduzione: Giampaolo COSSATO e Sandro SANDRELLI
 
Data Pubbl.:   Settembre 1976 ISBN:    9788842900641
Titolo Orig.:   Orbitsville, 1975
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Cartonato con sovracoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   124 x 195
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   180
 
 
  Ultima modifica scheda: Fantobelix 14/10/2018-01:06:49
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Bob Shaw è uno dei più importanti scrittori inglesi del momento, e si è messo in luce da una decina d'anni per la novità e l'interesse delle immagini scientifiche che presenta nei suoi romanzi: ad esempio il suo "vetro lento", che restituisce le immagini dopo mesi e anni. Sfera orbitale è il suo romanzo più recente. In esso compare un concetto che in questo periodo è stato oggetto di molte discussioni tra gli autori di fantascienza e nelle rubriche scientifiche delle riviste specializzate americane: l'idea di ricostruire artificialmente - di "terraformare", con un neologismo ricalcato dal termine inglese un pianeta disponendo in nuovo modo il materiale in esso contenuto. Il pianeta artificiale presentatoci da Shaw è un mondo fatto a sfera, cavo, che circonda completamente il proprio sole.
Nel romanzo, un simile mondo, costruito da una razza antichissima, viene accidentalmente scoperto dalle navi terrestri. Il pianeta è disabitato, ma mostra di avere progressivamente ospitato, nel corso di milioni di anni, numerose civiltà di numerose razze. Ma come esplorare una superficie milioni di volte superiore a quella della Terra? E poi, scendendo a riflettere sulla natura di questo vastissimo mondo artificiale, come interpretarlo: come la miglior risposta ai problemi di sovrappopolazione, oppure come una minaccia, resa tale dalla sua stessa vastità?