Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(20)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Classici - Mondadori - Cerchietto rosso nell'angolo

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:1622
 
Piace a 8 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 8.50
 
N. Volume:   116
Titolo:   Un cantico per Leibowitz
Autore:   Walter M. MILLER jr. (ps. di Walter Michael MILLER jr.)
   Traduzione: Roberta RAMBELLI (ps. di Jole RAMBELLI)
   Copertina: Vicente SEGRELLES
 
Data Pubbl.:   Novembre 1986 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   A Canticle for Leibowitz, 1959
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   110 x 185
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   288
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 18/09/2018-17:08:49
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Seicento anni sono trascorsi dalla guerra apocalittica che ha inferto un colpo mortale alla civiltĆ  umana, e i superstiti si sforzano di mantenere una parvenza d'ordine in un mondo tornato a una barbarie premedievale. Eppure, nelle terre desolate dove regnano mutanti e onnipresenti poiane, esistono ancora oasi di relativa pace come l'abbazia del Beato Leibowitz, dove umili frati custodiscono e riproducono documenti ormai incomprensibili del passato scientifico. E partendo dalla umanissima vicenda di frate Francis, scopritore di una reliquia del Beato Leibowitz, la nuova storia del genere umano inizia la sua ricostruzione, attraverso un Secondo rinascimento e fino a una nuova era moderna, in un romanzo davvero unico nel suo genere che ha conquistato uno dei piĆ¹ meritati premi Hugo nel 1961.