Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
bibliotecario Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Algernon Algernon 
zecca_2000 zecca_2000 
Visitatore Visitatori(66)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Costa bianca (I Romanzi di..)

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:114
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 6.50
 
N.:   114
Deserto dei mostri
Eric NORTH (ps. di Bernard Charles CRONIN)
     Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
     Copertina: Curt CAESAR
 
Data:   19 Gennaio 1956 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Ant Men, 1953
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 200
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   128
 
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 04/10/2018-18:04:55
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Eric North, autore di questo singolarissimo libro, ci insegna che non occorre uscire dall'atmosfera terrestre e vagare per gli spazi siderali, per ideare qualcosa di nuovo, di emozionante, di impensato. Profondo conoscitore e del mondo degli insetti e del territorio australiano, ch'egli dice ┬źricco di fossili viventi come i marsupiali... il dingo, e... nel mondo vegetale, le cicadi e le palme zamia┬╗, l'Autore ci conduce, insieme a due professori, a due studenti e a un bizzarro tipo di autista e factotum, nel deserto che costituisce il centro dell'Australia; qui in seguito a una violenta tempesta magnetica, il gruppo ├Ę catapultato in un cratere immenso, morto da milioni d'anni, sempre uguale e immutato. L'attonito e spaventato gruppetto degli esploratori si trova a contatto con la Terra quale essa era all'alba della creazione, in un punto in cui l'evoluzione della specie s'├Ę manifestata non producendo l'uomo. Dire di pi├╣ sarebbe togliere al lettore il piacere, l'apprensione, il vivissimo interesse che ispirano le allucinanti avventure di questi esploratori di un mondo nuovo e antichissimo sulla nostra nota e pur sconosciuta Terra.