Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
raffa raffa 
odisseo odisseo 
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(50)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Collezione - Mondadori - Serie nera

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:11212
 
Piace a 40 utenti
Non piace a 2 utenti
Media: 8.15
 
N.:   011
La casa dalle finestre nere
Clifford Donald SIMAK
     Traduzione: Beata DELLA FRATTINA e Giuseppe LIPPI
     Copertina: Franco BRAMBILLA
 
Data:   Dicembre 2003 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Way Station, 1963
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   125 x 180
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   252
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 30/11/2014-23:01:57
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Ecco dunque situato Clifford Simak sullo sfondo di quella che fu la nostra generazione, intendo di italiani in certo modo ancora postbellici, nella cui memoria i ricordi dei bombardamenti aprivano uno sorta di sfogo verso un futuro di voli spaziali e di apoteosi internazionali di lotte russo-americane, da disputarsi in un cielo fitto di sputnik e di v2 perfezionate da un americanizzato von Braun... La casa dalle finestre nere con quel gusto preciso, sommesso e svagatamente crepuscolare, e pure minutamente realistico... (dall'introduzione di Claudio G. Fava)
Isolato in un'impervia regione degli Stati Uniti, il guardiano Enoch Wallace aspetta notizie dal cielo. Suo ├Ę il compito di mantenere in funzione l'unica stazione galattica della Terra, sua la missione di ricevere i viaggiatori di altri mondi che si degnano di transitare qui. Un romanzo di solitudine e attesa, un'ultima utopia positiva scritta nel 1963, il momento pi├╣ pericoloso della Guerra Fredda.