Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(56)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:1055
 
Piace a 5 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.17
 
N.:   1047
L'orbita di metallo
Timothy ZAHN
     Traduzione: Gaetano Luigi STAFFILANO
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   26 Aprile 1987 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Spinneret, 1985
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   240
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 11/02/2014-20:52:27
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Colonizzare non è affatto facile. Specialmente nello spazio interstellare del XXI secolo, già percorso da svariate razze aliene che hanno occupato i mondi migliori a disposizione. L'uomo si affaccia un po' in ritardo su questo universo e deve accontentarsi di quello che trova. Di Astra, per esempio, un pianeta abitabile ma privo di qualsiasi metallo. La spedizione americana che sotto la bandiera delle Nazioni Unite occupa il pianeta si aspetta dunque un'esistenza alquanto noiosa, ma una breve permanenza su quel suolo convince il comandante, colonnello Meredith, che i guai con le minoranze etniche fra i coloni sono ben poca cosa dinanzi al mistero che dorme dentro quel mondo. Dopo bizzarri mutamenti del campo magnetico e insolite sparizioni di oggetti metallici a contatto con il terreno, un vulcano dormiente sputa in orbita il primo gigantesco cavo di supermetallo: è solo il biglietto da visita di una razza ignota e dimenticata, i cui progetti a lunga scadenza sembrano però sopravvivere ancora. Ed è allora che Astra diventa un ambito pomo della discordia, conteso da tutte le razze dell'universo conosciuto e dai membri delle Nazioni Unite che hanno spedito lassù i primi coloni.