14 Settembre 2009, 22:34:55Commento scritto da maxpullo
Voto: 4.50
Confuso fino all'inverosmile, più che un vero e proprio romanzo questo libro sembra quasi una bozza, un lavoro incompiuto su cui l'autore non ha saputo o non ha potuto metter mano prima che fosse dato alle stampe.
Alcuni spunti comici fanno sorridere qua e là, ma non sono in grado di risollevare le sorti di un racconto basato su una trama inconsistente, avvilito da dialoghi surreali e da continui, grotteschi riepiloghi di personaggi, come se l'autore stentasse a tenerli a mente per più di tre pagine.
Quasi inevitabile il paragone con gli scritti di Sheckley, ma anche del tutto inutile visto che qui, per qualche motivo, il libro proprio non c'è ed il tutto si riduce ad una strampalata sequenza di episodi apparentemente senza capo nè coda.
L'unica parte del romanzo che ho apprezzato sono state le ultime pagine: nonostante l'Equazione del Giorno del Giudizio rimanga un concetto vago e indistinto, noto solo all'autore e nonostante la frase finale con cui il romanzo viene bruscamente interrotto possa essere irritante, non mi è sfuggito che proprio quell'ultima frase è la descrizione di una scena precedentemente raccontata in una delirante profezia di qualche pagina prima. Questo semplice fatto mi ha portato a considerare tutto il racconto meno caotico di come mi era parso durante la lettura ed a riflettere sul fatto che, se l'autore è riuscito a comporre una simile "raffinatezza" (descrivere una scena profetizzata da uno dei suoi personaggi), forse un po' tutta la storia ha un suo senso recondito che non sono riuscito a cogliere.
Ma sono solo ipotesi e considerazioni che da sole non bastano a rendere questo assurdo romanzo meritevole di un giudizio positivo.
 
Utenti cui piace il libro
attiliosfunel, Barlow_54
Utenti cui non piace il libro
Soci della Tana del Trifide:

Vedi il profilo utente