14 Novembre 2016, 02:16:27Commento scritto da Giurista81
Voto: 7.00
Come giustamente han detto i precedenti recensori, si tratta di un palese omaggio a Robert Sheckley da cui si mutua totalmente il soggetto. Lo stile narrativo tuttavia è assai coinvolgente così come la caratterizzazione del protagonista. Il Ben Richards di King/Bachman è una sorta di Jena Plissken di carpenteriana memoria, molto caustico e smargiasso. Si ridimensiona la componente ironico-grottesca di Sheckley a favore dell'azione pura. Terribile il finale per la sua fortissima componente profetica (fa guadagnare punti al testo e lascia a bocca aperta lo spettatore). Molto carino, ma tutt'altro che orginale. Vien poi da sorridere, leggendo le presentazioni dei tempi odierni che parlano di uno Stephen King che anticipa gli Hunger Games...
Attenzione al film omonimo che ne è stato tratto nel 1987, con Shwarzenegger, che ha una sceneggiatura totalmente difforme che si rifa a un film di Lucio Fulci piuttosto che a questo romanzo che, lo ripeto, è un omaggio palese a La Settima Vittima di Robert Sheckley.

Qua la mia recensione completa: http://giurista81.blogspot.it/2016/11/autore-king-con-pseudonimo-di-richard.html  
 
15 Marzo 2012, 17:27:20Commento scritto da Notman
Voto: 8.00

Anche io avevo alle spalle il film, devo ammettere che è un ottimo libro, mi ha catturato e mi ha davvero fatto sentire teso per Richards... potevo sentire le sue emozioni e immedesimarmi.. ottimo davvero
 
14 Luglio 2011, 10:40:26Commento scritto da attiliosfunel
Voto: 5.00

Molto meno riuscito de La lunga marcia... come qualcuno ha già fatto notare, l'idea è una scopiazzatura di Sheckley,e forse si vede.
 
14 Luglio 2011, 09:54:30Commento scritto da mitd
Voto: 5.00
Romanzo intrigante, ben scritto e ben condotto. Si legge d'un fiato.

Però la fantascienza è una letteratura di idee. E allora il nostro autore, che si cela dietro uno pseudonimo segreto quanto quello di Pulcinella, non dovrebbe essere lodato per aver fotocopiato e ampliato l'idea di un altro scrittore (e quale!!!).

Invito tutti alla lettura del racconto "Il prezzo del pericolo", scritto con vera fantascientifica preveggenza da Robert Sheckley nel 1958 (!!!) e pubblicato nell'antologia "La decima vittima", Oscar Mondadori, da cui fu tratto un film nel 1970.

A quando la riscrittura dei capolavori di altri autori, caro Stefano Re?
 
28 Agosto 2010, 21:39:54Commento scritto da Lov3craft
Voto: 8.00

Veramente bello! Avevo visto solo il film e scoprire la vera storia è stata una grande sorpresa... il libro è ben costruito e guida il lettore in una vera e propria escalation di emozioni! Consigliato a tutti.
 
20 Settembre 2006, 08:22:22Commento scritto da Gundam70
Voto: 8.00
Tra Grande Fratello, L'isola dei famosi etc. in effetti mi chiedo quanto manchi alle nostre TV prima di proporci "L'uomo in fuga".
Avvincente. Scorrevole. Bello. Consigliato.
 
30 Aprile 2005, 11:14:33Commento scritto da Stormbringer
Voto: 8.00
Molto avvincente, l'ho letto non conoscendo il vero Autore ed ho pensato lo copiasse ( ! ) .Trama ben sviluppata e personaggi ben descritti, lo si legge d'un fiato, a tratti angosciante ma sicuramente bello.
 
29 Aprile 2005, 21:35:53Commento scritto da Zapod
Voto: 7.50
Buono, a prescindere dal fatto che si sappia o no chi si cela sotto l'ormai arcinoto pseudonimo...
La trama regge e si fa ricordare, il personaggio ha spessore, l'ho letto volentieri. Il soggetto è stato poi, come prevedibile, visti i magnanimi lombi,  abusato e stravolto dal cinema...
 
Utenti cui piace il libro
Soci della Tana del Trifide:

Vedi il profilo utente
Utenti cui non piace il libro