21 Maggio 2017, 21:46:04Commento scritto da galions
Voto: 7.50
Finalmente un horror che non ripropone ancora una volta zombie o vampiri, ma soprattutto un romanzo del genere catastrofico privo del solito eroe invincibile che risolve tutto con attrezzi di fortuna ed un coraggio mai visto.
Anzi i protagonisti della prima parte sono due anziani di una comunità montana del West Virginia, renitenti all'evacuazione organizzata dalla Guardia Nazionale, in seguito ad un nubifragio ininterrotto che giorno dopo giorno sta cancellando inesorabilmente le tracce della civiltà umana.
Il drastico cambiamento climatico causa un'alluvione senza precedenti, le alture montane sono le uniche terre che restano emerse sulla faccia della terra, ma l'acqua sta portando in superficie creature che l'uomo non ha mai visto se non nei suoi peggiori incubi.
Keene a mio parere poteva fermarsi quì ed avrebbe scritto un piccolo capolavoro dell'horror, invece ha voluto metterci dentro altri elementi soprannaturali rischiando di sforare nel ridicolo in più occasioni.
In ogni caso ha condotto davvero bene le scene d'azione, ha saputo introdurre gli elementi più incredibili con la giusta tempistica ed ha azzeccato i personaggi.
Buono anche il finale.
E' stato davvero una piacevole sorpresa scoprire questa firma americana.
 
27 Ottobre 2014, 09:14:51Commento scritto da cat
Voto: 6.00
Insieme di idee tratte da altre storie. Pur mancando di originalità,è di facile lettura ed abbastanza divertente
 
08 Settembre 2014, 21:39:54Commento scritto da doge
Voto: 7.00
Bel libro,lettura veloce e scorrevole,il senso di paura dell'esser rinchiuso in casa quando fuori piove..e piove...e piove..e nn si vede niente(all'inizio) e poi si scoprono e si vedono cose sempre più orribili e senza senso(ed è questo senza senso che secondo me spaventa molto....perchè come puoi sperare di uscire da una situazione...se nn capisci neanche come quella situazone sia possibile?...)mi han fatto trattenere il fiato fino alla fine..:-)Purtroppo,almeno alla fine,una spiegazione,almeno parziale....e un finale che almeno SIA UN FINALE...bhè,lo avrei voluto...e questo mi fà abbassare la valut da 8 che volevo dare a 7....
 
25 Agosto 2014, 08:48:29Commento scritto da AgenteD
Voto: 7.00
Romanzo scritto molto bene, scorrevole e che, di fatto,"prende". Peccato però che questa "presa" risieda soprattutto nella resa dei personaggi, (in particolare la psicologia del protagonista, anziano e solo, viene delineata in maniera molto realistica), mentre la componente horror appare solo a tratti e non è molto "forte". Nella scelta dei mostri è un omaggio a Lovecraft e quindi a lui l'autore deve, penso. le spiegazioni scientifiche...
 
11 Agosto 2014, 16:47:04Commento scritto da Phantom Opera
Voto: 4.00
Questo libro ha la stessa funzione di un filmetto horror stupido ossia lo guardi per farti quattro risate man mano che i personaggi vengono fatti a pezzi ed il giorno dopo te lo sei già dimenticato. In questo senso riesce nell'intento, in particolare la seconda parte che ho trovato molto divertente, mentre la prima è molto noiosa e la terza ridondante. Quindi sotto un certo punto di vista, nella sua ignoranza, il libro fa il suo dovere ovviamente partendo dal giusto presupposto che questo libro è spazzatura per passare un pò di tempo senza accendere il cervello.

Nello specifico lo scrittore non si inventa nulla anzi scopiazza e accozzaglia quanto più gli è possibile senza un criterio....leviatani, sirene, vermi, virus,  satanismo, demoni...non andando a parare da nessuna parte.

Inoltre, scopiazza alla grande dal racconto Jerusalem's Lot di King (a sua volta un omaggio a Lovecraft)  tutta la storia dei satanisti, del vermone gigante e del libro per evocarlo.

Aspettando un inedito in questa collana....

P.s. Ma quante fregnacce nella postfazione??!!
 
21 Luglio 2014, 11:05:10Commento scritto da bibliotecario
Voto: 5.00
Occasione mancata. La storia c'era, i personaggi interessanti anche ma purtroppo mancava del tutto, magari pure volutamente, un minimo di spiegazione logica  che desse un senso ai tragici avvenimenti sia su scala mondiale che particolare ai personaggi principali e che si susseguono durante le tre parti in cui è diviso il romanzo.
 
21 Luglio 2014, 00:33:13Commento scritto da contericci
Voto: 4.50
In un futuro imprecisato ma prossimo, per ragioni altrettanto imprecisate  (cambiamenti climatici di origine antropica? L'avvento di Satana? Boh! L'autore lascia al lettore il chiarimento del dubbio) si scatena un diluvio . L'acqua arriva quasi in cima ai monti e sulle coste rimangono all'asciutto solo gli ultimi piani dei grattacieli. Sopravvive solo qualche manipolo di fortunati, la cui caratterizzazione psicologica è forse la cosa migliore del romanzo. Il resto è un non-senso  di piovre e vermi di grandezza apocalittica che si spera siano allegorie delle nostre più remote paure. Se era questo l'intento dell'autore, bisogna dire che lo ha mancato clamorosamente.
 
06 Luglio 2014, 21:06:43Commento scritto da Gundam70
Voto: 6.50
Libro decisamente scorrevole e ben scritto. La trama... ma si, puo' andare.
Solo, mi aspettavo qualche brivido di paura che pero' non e' mai arrivato.
Stonano soprattutto numerose imprecisioni scientifiche, in qualche modo risolte nel finale tirando in ballo certi discorsi di...(spoiler, quindi non dico).
 
Utenti cui piace il libro
Soci della Tana del Trifide:

barry london, capitanklutz, joe65, claudiob, Coeurl
Utenti cui non piace il libro
Impossibili