19 Aprile 2015, 19:04:45Commento scritto da razzomissile
Voto: 5.50
Ben scritto, ma meno appassionante dei precedenti.

Due aspetti mi hanno guastato la lettura.
Il primo riguarda l'ambientazione ed il taglio storia troppo smaccatamente americano-centrica, mentre il resto del mondo è banalizzato e ricondotto a coloro che rientrano nella categoria "i buoni" (filo americani) e "i cattivi" (cinesi antidemocratici).
Il secondo è la pubblicità occulta di una nota marca di cellulari: occulta neanche troppo dato che ad un certo punto ho perso il conto del numero di citazioni (ero arrivato ad una ventina)...

Insomma un'operazione sicuramente accattivante ma un po' furba e da Sawyer ci si aspetta di più: ad maiora...  
 
26 Luglio 2014, 08:32:07Commento scritto da remotino
Voto: 5.50
Dei tre volumi, alla fine mi pare il meno riuscito, vuoi anche che ormai la storia si era delineata. Prolisso e senza spunti di suspance. Ne ho letti di migliori.
 
10 Marzo 2014, 13:25:11Commento scritto da doge
Voto: 7.00
Parto dal presupposto di NON aver letto i primi 2 della trilogia,,,ma cmq il terzo è già "auto-sostenuto" eheh:-) Mi piace molto il suo tipo di scrittura e la scorrevolezza,libro letto velocemente e con piacere.
Devo ammettere che alla fine secondo me è proprio melenso e,sinceramente,mi aspetto un finale più..particolare..o scoppiettante e invece....mah!....
Cmq voto 7:-)
 
22 Gennaio 2014, 12:18:34Commento scritto da and
Voto: 7.50
Ultimo della saga, forse il migliore dei 3. Decisamente una visione del futuro ottimistica ma tutto sommato originale e con ottimi spunti. Come sempre scritto benissimo.
 
20 Novembre 2013, 22:47:11Commento scritto da cat
Voto: 4.00

Nel commento a WWW2 mi auguravo che alla fine comparisse un dio crudele, che desse un po' di suspense ad una storia noiosa, prolissa, intrisa di melenso buonismo.
Inaccettabile la trama ma soprattutto inaccettabili i contenuti.
Come augurarsi che compaia una divinità che toglie all'uomo il libero arbitrio? E ' felicità il non potere scegliere? E' felicità
subire un controllo continuo sulle proprie azioni ? Quale etica guida il Web? La noia ucciderebbe l'uomo in poche generazioni, altro che la colonizzazione delle stelle.
Nelle sue semplicistiche soluzioni poi Sawyer spesso cade nel ridicolo. Webmind trova in 5 minuti la cura del cancro,semplicemente attraverso una revisione della letteratura mondiale (posso accettare una ipotesi di terapia ma come stabilire a priori che tale terapia è veramente efficace?) . Puerile.
Con un minuto in più dedicato " alla felicità via terapia " poteva anche rimediare la cura contro la caduta dei capelli. Quanti milioni di persone in più avrebbe fatto felici.
Sawyer deve poi essere stato contagiato dai vicini statunitensi dal virus di volere cacciare il naso negli affari degli altri paesi per imporre quello che LORO ritengono il più indicato sistema di governo.
Siamo sicuri che la democrazia diretta sia un bene per i cinesi? Non funzionò ad Atene con poche migliaia  di abitanti, mi pare difficile possa andare bene dove gli abitanti sono più di un miliardo.
L'america agli americani secondo la dottrina Monroe. E il resto del mondo possa decidere autonomamente. Senza un Webmind che decida per noi.
 
07 Ottobre 2013, 11:43:16Commento scritto da Free Will
Voto: 4.00
Il terzo libro della serie WWW (dopo Urania 1571 e 1583) svela finalmente l'obiettivo deludente dell'autore: per questo motivo il mio voto è negativo e vale per l'intera trilogia, nonostante avessi incredibilmente assegnato un voto molto positivo ai due precedenti libri.
Purtroppo tutti gli aspetti negativi vengono al pettine, confermando l'inconsistenza di questo autore.
Non mancano certamente i punti positivi, in parte già evidenziati nei giudizi precedenti, come l'idea intrigante di Webmind, i riferimenti matematici come la teoria dei giochi, le tecnologie mediche di avanguardia, il divertimento costituito dall'episodio di Hobo, brava scimmia.
Però bisogna ribadire che è scritto solo per chi ha almeno alcuni rudimenti (meglio se esperto) di informatica e matematica, e quindi non è un libro per tutti.
Ma determinante per il giudizio negativo è il fatto che tutta la tecnologia descritta, tutti i riferimenti in ogni dettaglio ossessivo, riguardano lo stato dell'arte presente e non c'è una sola ipotesi futura. Ciò che caratterizza uno scrittore di fantascienza è la sua visione profetica del futuro; poco importa che le sue ideee (come quelle dei grandi Dick, Heinlein, Clarke, Asimov, ecc.) si verifichino veramente o restino solo immagini meravigliose; Sawyer scrive solo per il presente, anzi solo per le prime settimane dal lancio del romanzo, perché tutti i suoi riferimenti, non solo per la tecnologia, ma anche per i personaggi, come i politici, i cantanti, gli artisti, le istituzioni, i governi, ecc. sono proprio quelli dell'istante della scrittura.
Per il resto rimangono le ossessioni tipiche di Sawyer, come la visione USA-centrica del mondo, nonostante sia canadese, al punto da citare continuamente il presidente degli Stati Uniti, alcune organizzazioni governative americane (anche se il romanzo è ambientato in Canada), addirittura la Costituzione americana. E poi la sua adolescenziale visione del sesso e l'idea confusa di certe patologie mediche: il personaggio Malcolm è del tutto fuori luogo perchè essendo autistico non può raggiungere certi livelli professionali a contatto costante con platee di interlocutori. Fuori luogo anche il personaggio di Barbara che, nonostante sia un genio matematico, con titoli importanti, faccia solo la casalinga. La stessa Caitlin, genio scolastico, che per dedicarsi esclisivamente 24 ore su 24 a Webmind, rinuncia alla scuola perché può ricevere l'istruzione (sic!) direttamente dai genitori.
Non mancano particolari fastidiosi come il riferimento pubblicitario a prodotti come il Black Berry, che sembra essere l'unico cellulare esistente al mondo.
E ancora: l'utopia descritta negli ultimi capitoli è veramente poco credibile e l'epilogo iper-futuristico non è assolutamente coerente e risulta proprio stupido.
Infine una notazione per chi ha assegnato i titoli italiani: se è vero che "Risveglio", "In guardia", e "La mente", possono apparire conformi allo spirito degli originali, certamente i titoli di questi ultimi (Wake, Watch e Wonder) con quella W iniziale sono decisamente più legati al tema principale, ossia WWW.
 
23 Settembre 2013, 20:26:04Commento scritto da bibliotecario
Voto: 7.00
Terzo e conclusivo volume della trilogia omonima risulta il più debole dei tre. Sarà perché è venuta meno la sorpresa dell'idea iniziale, sarà perché dopo il secondo volume la strada intrapresa per il finale ai lettori più smaliziati pareva già ovvia, sarà perché il buonismo e l'ottimismo di Sawyer paiono questa volta francamente stucchevoli. Comunque sia, pur scritto come sempre con tanto mestiere, questo romanzo non mi ha convito. Voto alto solo per partigianeria.
 
16 Settembre 2013, 21:45:30Commento scritto da wawawa
Voto: 6.50
Ma il piu' brutto dei 3
 
12 Settembre 2013, 19:13:31Commento scritto da Arne Saknussemm
Voto: 7.50
WWW Trilogy:
- WWW1: Risveglio (WWW: Wake, 2009)
- WWW2: In Guardia (WWW: Watch, 2010)
- WWW3: La Mente (WWW: Wonder, 2011)

3 volumi per un totale di 780 pagine .... lette in 5 giorni !!
Questi romanzi sono dei veri e propri "girapagina", lettura scorrevole, stile fresco, personaggi che "bucano la pagina", trama accattivante, tante idee e tanti spunti interessanti, dialoghi stimolanti (anche se a volte risultano poco verosimili) ... davvero difficile mettere in pausa la lettura !
La trama non è fine a se stessa ma pone interrogativi interessanti, offre momenti di riflessione su diversi temi cominciando dall'uomo e dalla sua natura per arrivare al World Wide Web. Il tutto è caratterizzato da un forte ottimismo.
Molto bello anche l'epilogo, una pagina e mezzo che apre orizzonti spaziali di forte impatto.
Non è un capolavoro ma è una gran bella esperienza di lettura.
 
11 Settembre 2013, 15:02:45Commento scritto da ovidio80
Voto: 7.50
La trilogia nel complesso mi è piaciuta, è in perfetto stile sawyer. Però la soluzione finale di Webmind mi è sembrata banale-scontata e il finale buonista è piuttosto prolisso in alcuni punti  (vedi il discorso sui nobel per la pace). Vale sicuramente la lettura.  
 
10 Settembre 2013, 19:20:15Commento scritto da Gundam70
Voto: 7.00
Bellino questo romanzo e in certi punti Sawyer ha fornito spunti per interessanti riflessioni.
 
31 Agosto 2013, 21:13:00Commento scritto da npano
Voto: 7.00
Buona conclusione della trilogia.
Prima metà avvincente come nel miglior stile di Sawyer, seconda metà più debole ( troppo buonismo e lenta nello svolgimento)
Finale così così.
Comunque come al solito ricco di spunti di riflessione, discussione interessanti e in ogni caso ottimamente scritto.
 
25 Agosto 2013, 15:57:25Commento scritto da Fantobelix
Voto: 7.00
Non riesco a parlar male di questo libro, di questa saga e di questo autore, però...
Mi aspettavo qualcosa quanto meno di diverso, sviluppi più inaspettati dagli scenari che più radicalmente cambiano gli orizzonti, così come Sawyer ci ha abituato. Ne trovo traccia più nell'epilogo che in tutto il libro, troppo poco, con un vuoto in mezzo non colmato...
Intendiamoci, anche questo capitolo conclusivo resta avvincente e ricco di spunti, catturando e appasionando fino alla fine, forse più come un thriller poliziesco che come un libro di fantascienza, ormai.
Ma alla fine, come dire, Webmind 'si è un pò allargato' la soluzione con cui rimedia ai suoi (e ai nostri) pasticci non mi convince del tutto: scende un pò al livello umano e trascende se stesso, dando un forte strattone alla nostra libertà di scelta, utile forse, ma discutibile.
E rimane solo sullo sfondo il tema dei primati emergenti: dopo tante pagine e tanto spazio dedicato ad Hobo (quasi metà dei primi due volumi) mi aspettavo un ruolo di maggior rilievo e più significativo.
WWW resta per me tra le cose più interessanti e affascinanti dell'odierno panorama fantascientifico, ma a chiusura di questo ciclo mi chiedo: perchè 3 volumi? Con qualche taglio a divagazioni e bonobo, un unico volume srebbe stato sufficiente (valorizzando forse anche l'idea centrale) e lasciando spazio a eventuali sequel, orientati all'epilogo.
 
18 Agosto 2013, 19:59:00Commento scritto da clisimak
Voto: 7.50
Ottimo autore per un buon romanzo che conclude il ciclo con grande ottimismo sul futuro della razza umana.
 
13 Agosto 2013, 23:48:22Commento scritto da Dart Fener
Voto: 6.00
Sawyer rimane il mio autore di Urania preferito, ma il suo eccessivo buonismo mi sta cominciando a stuccare.
 
11 Agosto 2013, 23:59:32Commento scritto da paolo1805
Voto: 8.00
Letto in un giorno. Il buon Sawyer è decisamente un ottimista inguaribile (cosa che traspare anche dagli altri suoi romanzi), un figlio dell'illuminismo e del positivismo, le sorti dell'Uomo (e della macchina...) sono luminose....In sostanza è un buon romanzo, con un ritmo serrato, con alcuni passaggi umoristici e personaggi piacevoli. Chi cerca la complessità probabilmente rimarrà deluso e forse anche infastidito da un'atmosfera che può risultare un po' troppo "buonista", io mi sono divertito molto e non ho potuto fare a meno di pensare "magari le cose andassero così..."
 
Utenti cui piace il libro
Soci della Tana del Trifide:

Faresme, Morgan, aidoru, dottogekuri, odisseo
Utenti cui non piace il libro
Soci della Tana del Trifide:

cosmo 49, emilio