23 Febbraio 2012, 09:57:38Commento scritto da gretana
Voto: 7.00
Io l'ho trovato molto dolce e triste. La strada è un'enorme cimitero e le persone che la percorrono sono solo nei sogni dei draghi.
 
25 Agosto 2010, 09:42:48Commento scritto da maxpullo
Voto: 4.00
Bella la quarta di copertina, molto interessante e coinvolgente l'incipit del romanzo perchè si è incuriositi da una trama tanto surreale al punto che ci si affretta a leggere avidamente per la voglia di capirci qualcosa. Errore.
Man mano che si procede nella lettura, infatti, si fa strada la spiacevole sensazione che l'autore ti stia prendendo per i fondelli, inserendo personaggi a caso la cui vicenda si esaurisce in una pagina e facendo riferimento a fatti che non hanno nessuna spiegazione o correlazione con quello che si sta leggendo.
Verso la fine del libro la sensazione della beffa colossale si fa certezza ed il libro, che per come è scritto avrebbe potuto interrompersi tranquillamente in qualsiasi momento, anche a metà di una frase, si chiude nella confusione più totale al punto che non è chiaro se il protagonista abbia o no ottenuto quello che voleva anche senza sapere esattamente cosa voleva. E il drago? Boh...
Impossibile poi definire il genere di appartenenza: l'affascinante concetto della "Strada senza fine" a simboleggiare l'eternità del tempo sembrerebbe ascrivere questo tomo alla fantascienza ed il fatto che qualcuno abbia scelto di pubblicarlo sembrerebbe confermarlo (cioè decidere di pubblicarlo è pura fantascienza), ma poi la tracimante congerie di sciocchezze e nonsense tirate fuori dall'autore per confondere le acque affossano l'immagine della strada e rendono questo volume un indecifrabile e irritante mix tra fantascienza e fantasy.
Fidatevi: non leggetelo o farete la fine del povero Karel Thole... lui, infatti, lo ha letto ed è stato male tre giorni. Ha persino provato ad avvisare i lettori di Urania con una delle copertine più brutte della sua produzione, ma io purtroppo non l'ho capito se non a pagina 90 quando ormai era troppo tardi e le fitte all'addome si erano fatte lancinanti.
 
28 Agosto 2009, 21:46:35Commento scritto da marsman60
Voto: 4.00
Confusionario completamente slegato non rende l'idea dell'azione e della storia  nel complesso pessimo .ho provato a leggerlo sulla scia del "signore della luce" dove almeno la storia si ricuciva e aveva, nei suoi salti di tempo e di luogo ,una sua trama lineare....risultato della lettura mi ripeto pessimo .
 
11 Maggio 2009, 13:48:07Commento scritto da attiliosfunel
Voto: 4.00
Incomprensibile... mi sorprende che abbia trovato un editore. Diciamo che dopo aver scritto dei capolavori, Zelazny si è seduto sugli allori. E gli editori manco lo hanno letto secondo me: basta il nome in copertina, avranno pensato (oppure, ipotesi #2, Zelazny l'ha scritto nelle pause WC - quindi il tal caso, seduto da qualche altra parte...    -  o durante le sbornie perchè obbligato da qualche contratto). Pensate che se lui stesso si fosse presentato con 'sta roba da esordiente, avrebbe mai avuto una carriera?
 
11 Maggio 2009, 13:16:52Commento scritto da grifone58
Voto: 4.50
Romanzo noiosissimo e sconclusionato
 
Utenti cui piace il libro
Soci della Tana del Trifide:

ciccio, Vedi il profilo utente


Utenti non associati:

Robod5, robipek
Utenti cui non piace il libro