11 Marzo 2014, 23:46:28Commento scritto da antosimov
Voto: 6.50
Le scene di sesso depravato e sadismo in un primo momento mi sono sembrate eccessive.
Poi  ripensando alle cronache  odierne (festini  con decine di ESCORT) (assassini di sette sataniche) mi sono detto, l'autore non ha proprio esagerato.
Il romanzo è sempre scorrevole e ben scritto.
 
07 Agosto 2010, 16:29:36Commento scritto da maxpullo
Voto: 6.00
Il romanzo si colloca all'interno del ciclo del comandante Grimes tra "Il comandante del Far Traveler" e "Nuove vie della frontiera", ma, come di consueto, bisogna lamentare la mancata pubblicazione dei capitoli intermedi per cui la continuità del ciclo è assicurata esclusivamente da quei momenti nel testo in cui Grimes (o chi per lui) rievoca episodi passati, permettendoci di capire cosa stia accadendo e come si sia arrivati a quel punto della vicenda.
Ma sei il romanzo, come del resto gli altri, si può leggere anche come un capitolo a se stante, questa volta la lettura è assai meno gratificante.
La fantasia, le idee e l'originalità che avevano sempre contraddistinto le storie di Chandler sin qui lette appaiono esaurite quasi del tutto: il romanzo si trascina stancamente come se non vi fosse un filo conduttore e come se l'autore, avendo creato i personaggi, avesse deciso di abbandonarli alle loro vicende, limitandosi al ruolo di "osservatore" in una storia che ricalca i clichè delle altre, "I coloni di Morrow" in primis.
Il finale con la ricomparsa dell'eterno rivale Drongo Kane e della baronessa Michelle appare forzato e l'impressione generale è un po' quella che si ha guardando quei tristissimi programmi televisivi domenicali in cui vengono presentati ospiti famosi che si siedono, sorridono, fingono allegria, ma che, in definitiva non hanno proprio nulla da dire.
Gli inutili tentativi di rendere la storia interessante aggiungendo continuamente disavventure piccanti e qua e là qualche accenno di sadismo e perversione (con alcune scene veramente "forti"), non aiutano affatto a risollevare le sorti di una storia inconcludente che non aggiunge un bel nulla all'economia del ciclo e che è l'ottimo esempio di come un autore, anche bravo e capace, possa talvolta "scivolare" se si fida troppo della "tenuta" e della "simpatia" dei suoi personaggi senza curare la trama e senza avere nuove idee.
Sufficienza stiracchiata e di stima.
 
11 Maggio 2009, 13:50:50Commento scritto da attiliosfunel
Voto: 6.50
Questo romanzo non è il vero quinto (nè ultimo, credo) della serie di Grimes, dato che F&L hanno pensato bene di pubblicarne solo alcuni, senza un criterio preciso. Comunque, a me è piaciuto; inoltre, secondo me molte scene di sesso sono state in qualche modo tagliate.

Per concludere, 10+ alla copertina di Thole e al posteriore della mitica Fenella Pruin!!!!!
 
11 Maggio 2009, 13:15:16Commento scritto da grifone58
Voto: 6.50
Romanzo senza tante pretese... comunque divertente
 
15 Aprile 2008, 18:32:12Commento scritto da Free Will
Voto: 6.50
Il quinto ed ultimo libro del ciclo del comandante John Grimes (dopo Urania 499, 527, 637, 822) inizia con il solito tono leggero, scanzonato e sporcaccione dei precedenti.
Poi, pian piano, diventa più serio: subentrano concetti come moralità, etica, crimine, violenza, orrore.
Da questo punto di vista, questo romanzo è il più maturo ed articolato della serie.
Però Chandler non è Asimov o Clark o Heinlein: è solo uno scrittore maschilista e segaiolo che scrive in modo semplice e divertente.
 
30 Luglio 2007, 11:37:11Commento scritto da io.robot
Voto: 7.00
un buon libro estivo da leggere sotto l'ombrellone in piscina o al mare semplice lineare, non complicato a prima vista anche se vi si può leggere un messaggio:
cattiveria gratuita, perversioni e il dio denaro non spariranno nel futuro e non sono prerogative della sola umanità
 
Utenti cui piace il libro
carlissian75
Utenti cui non piace il libro