01 Settembre 2016, 11:13:50Commento scritto da mitd
Voto: 5.00
Come riprendere un'idea che nel 1965 era già datata, svilupparla maluccio e concluderla con un finale banale.
Gli X-men di Stan Lee, nati nel 1962, erano anni luce avanti.
 
23 Marzo 2010, 22:28:15Commento scritto da maxpullo
Voto: 6.50
La sottile patina di thriller che questo romanzo sfoggia sin dalle prime battute viene via facilmente già prima della metà della storia, allorquando il mistero che si cela dietro gli inquietanti fenomeni diventa pretestuoso e rimane tale solo per i protagonisti che portano avanti l'allegra "farsa" ancora per molte altre pagine.
Per aggravare le cose, l'autrice dota i suoi personaggi di una poderosa carica di ironia, di incredulità, ma anche di quella che pare una placida stoltezza, al punto da farli apparire solo leggermente turbati davanti agli spaventosi fenomeni di cui sono vittime, sacrificando così gran parte dell'atmosfera creata nelle prime pagine.
Eppure, nonostante questi difetti, questo romanzo scritto in un'epoca in cui gli studi di parapsicologia erano agli albori ed in cui la sola parola "paranormale" pronunciata a mezza bocca poteva significare la fine di una carriera accademica, fa una bella figura, grazie soprattutto alla sua indubbia originalità ed al suo ritmo incalzante che lo rende una lettura buona ed affascinante.
Poco importa quindi se l'artefice dei misterosi e spaventosi fenomeni venga appellato allegramente "polty" e immaginato di colore rosa, poco importa ancora se il lettore attento riesca a svelarne l'identità già dopo 40 pagine e poco importa infine se il finale della storia appaia banale e scontato: quello che conta è che questo è un libro scritto molto bene, che si "divora" dalla prima all'ultima pagina in pochissimo tempo, un romanzo cioè sicuramente ad "alto grado di intrattenimento" che bisogna leggere almeno una volta nella vita.
Complessivamente, soppesando pregi e difetti, lo definirei un romanzo discreto.
 
20 Aprile 2008, 14:36:10Commento scritto da lonewalker
Voto: 5.50
Come ormai mi accade spesso se mi piace un autore subito vado a cercare e leggere le altre opere. Mi è capitato per primo questo e la delusione è stata "feroce". La storia è lenta, inverosimile, catastrofica ai limiti del pensabile, irreale (per quanto un amante della FS non debba aspettarsi situazioni "reali"). L'ho letto fino in fondo per rispetto all'autore ma non lo consiglierei.
 
Utenti cui piace il libro
cceccyy, robipek
Utenti cui non piace il libro
effedierre