02 Agosto 2013, 13:37:44Commento scritto da maxpullo
Voto: 5.00
Denuncia ecologista? Fantascientifica ipotesi di una futura evoluzione dei ragni? Oppure il canovaccio di un filmetto di serie B in cui al posto dello squalo ci sono le tarantole?
Leggendo questo romanzetto asfittico i dubbi rimangono tutti: i personaggi, come sagome di cartone, interpretano il loro ruolo sino in fondo senza dare appigli ad un minimo di approfondimento e senza tentare minimamente di dare una risposta al fenomeno che si trovano a fronteggiare; la conclusione poi, per quanto sconcertante, è di una banalità inammissibile e si rimane perplessi a pensare se sia una cosa voluta per lasciar lavorare la mente del lettore oppure semplice incapacità di concludere una storia in maniera plausibile.
Il pregio della brevità viene completamente dissolto da svarioni del tipo "ragni=insetti" e da una totale mancanza di uno scopo per quello che sembra un asfittico raccontino che lascia il tempo che trova.
Mediocre.
 
11 Agosto 2012, 21:48:16Commento scritto da brz57
Voto: 5.00
Fantascienza poca, banalita' tanta,
 
Utenti cui piace il libro
Utenti cui non piace il libro