24 Febbraio 2012, 17:45:29Commento scritto da remotino
Voto: 7.50
A me è piaciuto molto, forse perchè è il mio genere di lettura che preferisco.

La trama è intuibile dalla copertina, la descrizione dei paesaggi desolati è vivida ed in effeti sembra di vedere un film.

Le vicessitudini del protagonista nella ricerca di se stesso ed il rifugiarsi nella sua cambusa con tutti i suioi ricordi, da qui parte l'avventura della storia.
 
19 Gennaio 2010, 22:01:52Commento scritto da maxpullo
Voto: 5.50
Una idea puerile per spiegare la catastrofe della siccità che incombe sulla Terra ed una lunghissima, pesantissima sequenza di pagine per raccontare le misteriose e sconclusionate gesta dei personaggi costretti a viverla sono le principali caratteristiche di questo romanzo.
La quasi totale mancanza di dialoghi e una prosa faticosa completano il quadro, rendendo la lettura lunga, difficile e noiosa al punto che a metà libro ci si inizia a chiedere quanto manchi prima della fine.
L'unico pregio del romanzo è la grande dote di Ballard di riuscire a descrivere i paesagi desolati talmente bene che pare quasi di esserci: la sola descrizione della spiaggia essiccata con le montagne di sale ed i pesci agonizzanti merita la lettura, ma non basta proprio a risolvere i problemi di una storia che, nonostante l'argomento, fa letteralmente acqua da tutte le parti.
Anche qui come in "Deserto d'acqua" l'attenzione della storia è spostata principalmente sugli aspetti psicologici delle persone di fronte alla catastrofe, ma, mentre nell'altro romanzo la storia era convincente ed affascinante, qui appare quasi del tutto assente e la situazione apocalittica giustifica solo in parte un cast di personaggi assolutamente fuori da ogni norma descritti in comportamenti assurdi, spesso incomprensibili.
 
17 Febbraio 2006, 17:08:03Commento scritto da francibass
Voto: 6.50
La prosa di Ballard è una delle più raffinate in circolazione: la descrizione dei luoghi e dei personaggi è quanto mai vivida e reale e non si fa fatica ad immaginarli. Però la trama è lenta e non offre particolari punti di svolta e per di più è frammentata in numerosi, cortissimi capitoli (a volte solo tre pagine). La visione del futuro è quella del disastro ambientale, le cui cause sono descritte in termini parascientifici ma a pensarci bene il ritiro dell'acqua si potrebbe verificare in modi molto più plausibili. In ogni caso si fatica ad arrivare alla fine.
 
Utenti cui piace il libro
Soci della Tana del Trifide:

Vedi il profilo utente


Utenti non associati:

attiliosfunel
Utenti cui non piace il libro