26 Gennaio 2014, 16:09:25Commento scritto da Han Tavers
Voto: 6.00
Lettura veloce per qualcosa di già letto/visto
 
04 Luglio 2012, 09:38:12Commento scritto da brz57
Voto: 6.00
La scopiazzatura di Blob mi sembra evidente...qualche (raro) spunto di originalita' ed una lettura veloce meritano un voto appena positivo.
 
26 Ottobre 2009, 17:56:26Commento scritto da Rocheta
Voto: 5.00
Romanzo inverosimile con un finale talmente banale da rasentare il ridicolo. Scopiazzatura di: Blob - Fluido mortale.
 
27 Settembre 2009, 12:56:25Commento scritto da Eremita
Voto: 7.00
il libro è divertente, e in molte situazioni decisamente surreale
 
16 Settembre 2009, 19:40:59Commento scritto da maxpullo
Voto: 6.50
Le caratteristiche salienti di questo romanzo sono la sua brevità ed il suo ritmo incalzante: l'intera drammatica vicenda si consuma nell'arco di meno di una giornata e si può bene affermare che, tranne il terribile "clone", non vi siano protagonisti veri e propri o personaggi ben caratterizzati.
A tratti ho avuto l'impressione che l'intento degli autori fosse non tanto quello di costruire un vero e proprio romanzo secondo i canoni propri della letteratura d'intrattenimento, quanto piuttosto quello di scrivere una sorta di "articolo" a sfondo ecologista, che denunciasse in modo originale e sconvolgente i rischi derivanti dall'inquinamento.
Il clone, l'orrenda mostruosità che, con plasticità ripugnante, assorbe esseri umani, cibanosene per replicare le sue cellule, sebbene "alieno" nel senso etimologico del termine, non proviene infatti dallo spazio profondo, ma è figlio dell'inquinamento fognario di Chicago e la sua implacabile energia distruttiva non deriva da una brama di conquista o da sete di potere, quanto piuttosto da un banale istinto di sopravvivenza che, attraverso la fame, lo spinge a cercare continuamente nutrimento.
Nonostante siano passati più di quarant'anni dalla sua prima apparizione "il clone", ci appare sempre attuale e spaventoso, perchè, nel suo spietato agire e nelle sue flaccide fattezze, incarna l'esatto archetipo lovecraftiano di ciò che non dovrebbe esistere, di uno scherzo della natura che, pur considerando improbabile, non ci sentiamo a cuor leggero di escludere. E non è quindi un caso se questo mostruoso ameboide, al pari dei trifidi di Wyndham e del Robot del "Pianeta probito", sia diventato una delle icone della fantascienza di tutti i tempi.
L'unica critica che mi sento di muovere nei confronti di questo classicissimo fanta-thriller è il finale un po' banale e scontato: dopo una strenua e vana lotta durata più di cento pagine, la feroce aggressività del clone si spegne quasi da sola, dopo aver lasciato una scia di morte, sgomento e distruzione assolutamente immotivate, alla cui origine c'è un misterioso e improbabile crogiolo di sostanze chimiche disperse nelle fognature della città.
Forse c'era anche un intento satirico, ma proprio non riesco a coglierlo e l'irritazione per aver sciupato un capolavoro mi impedisce di dare un valutazione più alta.
 
12 Febbraio 2008, 15:43:16Commento scritto da marsman60
Voto: 5.00
semlicemente blob.
 
17 Aprile 2006, 20:54:33Commento scritto da cat
Voto: 7.50
Un buon horror.
 
Utenti cui piace il libro
Soci della Tana del Trifide:

ciccio, Vedi il profilo utente


Utenti non associati:

Free Will, Robod5, Barlow_54, raffa
Utenti cui non piace il libro