01 Maggio 2017, 14:12:58Commento scritto da contericci
Voto: 4.00
Sooly, una splendida ragazza venticinquenne, vede gli UFO. Siccome non gli recano molto fastidio se ne fa una ragione e continua a vivere come se nulla fosse. Ma chi sono quei due ragazzotti che hanno riavviato il vecchio impianto di pesca in riva al lago? Soprattutto quello più giovane, simpatico e attraente se non fosse per quegli occhioni un po' più grandi della norma? Sconclusionato e, a tratti, incomprensibile romanzetto di Zach Hughes dove si saltella da un pianeta all'altro alla ricerca delle proprie origini e dei perché della vita. La risposta ci viene fornita da una sorta di madonna aliena, nuda dalla cintola in su. Nell'udire la quale  a me sono cadute le braccia.
 
25 Marzo 2015, 23:11:18Commento scritto da emilio
Voto: 5.00
dove sono i dischi volanti? Forse sono diventati semplici cd. Meglio questi che un libro sconclusionato.
 
03 Dicembre 2009, 15:12:43Commento scritto da maxpullo
Voto: 6.00
Questo romanzo è veramente fuori dal comune con un indice di gradimento altalenante.
Intrigante e simpatico sin dalle prime pagine, si lascia apprezzare soprattutto per il tono leggero e per la spontaneità della giovane protagonista, una ragazza molto speciale che da poco peso alle "visioni" che accompagnano le sue giornate, ma la cui vita tranquilla viene repentinamente sconvolta da un sentimento per lei del tutto nuovo.
Poi all'improvviso c'è una brusca impennata che mi ha fatto quasi pensare di avere tra le mani un capolavoro: i ricordi risvegliati nella protagonista da un incidente, infatti, se da un lato suggeriscono una sorta di memoria atavica tramandata di generazione in generazione per cui la ragazza rivive le sue vite precedenti, da un altro sembrano avallare le teorie secondo cui la Terra, in epoche remote, sarebbe stata frequentemente visitata da esseri extraterrestri.
Le ipotesi fantascientifiche di Daniken sugli dei della preistoria, le figure aeree di Nazca, la misteriosa immagine dell'uomo di Palenque e persino molti brani della Bibbia, improvvisamente come per magia prendono il loro posto con ordine come fossero tessere di un mosaico che si rivela davanti agli occhi della ragazza.
Ma l'atmosfera di magia dura poche pagine: nel confuso finale tutto quanto di buono l'autore aveva costruito sino a quel momento si sgretola in una serie di rivelazioni che appaiono forzate e sconclusionate: la risposta alla domanda su chi abbia creato gli dei soddisfa solo in parte ed il tutto si riduce ad una sorta di messaggio di amore cosmico che, per qualche verso, sembra riecheggiare il biblico "crescete e moltiplicatevi".
Ottime premesse, spunti egregi, ma realizzazione scarsina, a mio avviso merita poco più della sufficienza
 
07 Dicembre 2007, 15:12:29Commento scritto da Darkyo
Voto: 8.00
Gli UFO c'entrano poco o niente - un altro fulgido esempio di titolofuorviante e insensato (per non parlare della incredibile trama in copertina!): meglio alloral'evocativo titolo originale che, tradotto, suona Seme degli dèi. Anche in questo caso, un romanzo ancora fresco e gradevole, maturo (sembra figlio della rivoluzione sessuale) e intrigante. Una storia d'amore fantascientifica sullo sfondo di misteriose vicende legate all'origine dell'umanità. Forse alcuni passaggi - soprattutto nel finale - avrebbero meritato maggiore spazio, ma tutto sommato si tratta di un buon romanzo.
 
Utenti cui piace il libro
Soci della Tana del Trifide:

Vedi il profilo utente


Utenti non associati:

attiliosfunel, kal-el
Utenti cui non piace il libro