29 Dicembre 2009, 08:33:47Commento scritto da gasp63
Voto: 9.00
Un bel libro di storia alternativa, nel quale, letta la quarta copertina, speravo di trovare anche universi parallelli. Gli universi paralleli non ci sono ma la storia è scorrevole, avvincente e ben scritta.
Peccato per il demone che credo sia abbastanza fuori contesto rispetto a tutto il resto del libro. Se l'autore avesse immaginato qualcosa di diverso e più calzante rispetto al demone, tutto il racconto sarebbe stato perfetto.
 
10 Novembre 2009, 17:26:01Commento scritto da joe65
Voto: 6.50
L'idea mi è piaciuta parecchio, anche se l'impronta da fumetto traspare in molte scene, tipo la tentata violenza del demone e il finale un strappalacrime, quello che però anch'io, come molti, non ho digerito è la presenza del demone, che a mio avviso è del tutto superfluo (almeno come demone ) nell'economia della storia.
 
11 Agosto 2009, 21:08:04Commento scritto da Rocheta
Voto: 5.50
Il romanzo, scritto in modo scorrevole e ricco di colpi di scena, ha come protagonista l'azzeccato personaggio femminile di Svet, ben caratterizzato ed intrigante. E' un vero peccato però che la vicenda, anche se ucronica, parta da una "premessa" alquanto inverosimile che toglie interesse alla lettura. Piuttosto ridicole e fuori luogo le apparizioni del demone.
 
11 Giugno 2009, 20:33:28Commento scritto da Han Solo Guerriero Stellare
Voto: 6.50
Ottima l'idea dell'Ucronia , tuttavia ,comela maggior parte di voi , ho mal digerito la sua incursione nelfantasy/horror che poco ci azzeccava con il messaggio principale delromanzo
 
06 Giugno 2009, 10:30:02Commento scritto da cat
Voto: 5.00
Per giudicare un libro bisogna leggerlo fino in fondo.
Ho impiegato 3 mesi per terminare Svet. Che fatica. L'Autore di Mater Maxima, uno dei più bei romanzi di SF italiana, questa volta mi ha deluso.
Operazione commerciale. Non è un romanzo, non ne ha l'organicità. Non è una raccolta di racconti, sarebbero ripetitivi.
Dovrebbe essere fantapolitica, e su questo, c'è un tentativo di coerenza. Dati i presupposti, criticabilissimi, lo sviluppo ed il finale hanno un senso. Ma il demone, la possessione, il ritorno dei morti, come giusticarli? Troppa commistione di generi. Dimenticavo un ultimo piccolo orrore: pag 309, la trasmissione genetica, via DNA, di una mutazione somatica.  A chi ha dato degli 8 a questo libro: ma lo avete letto con attenzione?
 
10 Marzo 2009, 04:21:07Commento scritto da Dart Fener
Voto: 5.50
Conosco bene il mondo del fumetto italiano. Tutt'ora leggo Dylan Dog. Ho avuto modo di leggere per diversi anni Nick Raider, Giulia, Magico Vento, Dampyr, Nathan Never, Martin Mystere, e sicuramente altri che adesso non mi vengono in mente. Leggere Il dono di Svet per me è stato come  leggere un fumetto senza disegni. L'autore ha avuto sicuramente tante buone idee, però a mio avviso le sceneggiature di un fumetto non possono e non devono essere adattate per creare un romanzo. Altrimenti ne viene fuori un ibrido senza senso, un po' come accade per i libri tratti dai film o peggio dai videogiochi.
Quando acquisto un romanzo mi aspetto di leggere appunto un romanzo non un fumetto romanzato. Concedetemi un gioco di parole, Donato Altomare è finito in alto mare!
In genere non commento l'immagine di copertina, però nel romanzo Svet ha i capelli neri, ma allora perchè nella copertina sono biondi?
 
25 Febbraio 2009, 11:59:10Commento scritto da cynewulf
Voto: 8.00
E' un 8 di incoraggiamento.
Le avventure di Svet sono interessanti (addirittura "appassionanti" a tratti)  così come l'ambientazione. Risente un pò troppo dell'origine "fumettosa", dando l'impressione di star leggendo le novelization di quelli che dovevano essere magari i primi 4 o5 numeri del fumetto.
L'introduzione dell'elelemento sovrannaturale m'è sembrata un pò kitsch.
Spero in un seguito più organico.
 
23 Febbraio 2009, 23:03:13Commento scritto da marco.kapp
Voto: 7.50
Romanzo dalla trama adrenalinica e a tratti piuttosto splatter. Ambientazioni curate sia dal punto di vista scenografico che storico; un neo secondo me è però rappresentato dalla poca profondità psicologica dei protagonisti. Bella l'idea del demone.
 
19 Gennaio 2009, 07:58:53Commento scritto da grumele
Voto: 4.00
Condivido i voti piu` negativi di chi mi ha preceduto.
Anche per me si e` trattata di una delle rare volte in cui non ho finito un libro e soprattutto delle rarissime in cui l`avrei buttato via.
La sua origine da sceneggiature di fumetto e` bene evidente ma se la trama e` in una certa misura abbastanza interessante la scrittura ed i dialoghi sono inverosimili per la maggior parte.
 
30 Dicembre 2008, 14:00:33Commento scritto da nickel
Voto: 7.00
Non condivido il parere di coloro a cui non è piaciuto questo libro; per me è bello, entusiasmante dall'inizio alla fine. Certo alcune ripetizioni ci sono ma non danno fastidio; potrebbe essere un po' limato in alcuni aspetti, ma in genere ti prende e non ti lascia
 
18 Dicembre 2008, 22:46:37Commento scritto da Darkyo
Voto: 7.00
Le origini fumettistiche sono evidenti sin dalle prime pagine: un romanzo a episodi fondamentalmente simili, ove l'eroina alla fine se la cava grazie al suo non meglio specificato dono (sorta di deus ex machina che interviene per sbrogliare la vicenda). Il racconto che più mi è piaciuto (stranamente) è quello del famigerato demone, l'esempio lampante della creatività immaginifica di Altomare che, grazie a una prosa scorrevolissima, mi ha divertito parecchio. Il voto non può non essere positivo, anche se avrei preferito che le idee fantascientifiche non si limitassero allo sfondo, ma fossero parte integrante del motore narrativo del romanzo.
 
12 Dicembre 2008, 15:36:54Commento scritto da paolo1805
Voto: 5.50
Non è un capolavoro, non è una schifezza totale, è, come soleva citare la mia insegnate di Lettere "...sanza infamia e sanza loda...".
Faccio fatica a catalogarlo come romanzo di Fantascienza (almeno ciò che io ritengo sia fantascienza), alla fin fine si tratta di un romanzo d'azione con uno sfondo alternativo. Ho trovato le vicende abbastanza ripetitive (il cattivo tende una trappola all'eroina, sfruttando i suoi sentimenti o il suo senso del dovere, ma lei se la cava seppure con l'inevitabile perdita di un personaggio, ma poi...), e i personaggi decisamente stereotipati.
L'unico pregio è la scorrevolezza della lettura.
 
10 Dicembre 2008, 22:10:35Commento scritto da ackseth2003
Voto: 4.50
Prometteva bene, nelle prime pagine: atmosfera dark quanto basta, storia parallela discreta (anche se poco plausibile, ma insomma... altrimenti non sarebbe una storia parallela, che diamine...), un personaggio femminile che è almeno intrigante... ma poi?
La vicenda si dipana di male in peggio: i capitoli, legati solamente dalla ripetizione del finale e da una certa trama di fondo, vanno dal poco coinvolgente del primo al pessimo di quello del demone.... mamma mia!

Il finale poi.... terribile!

Va bene partire dall'idea per un fumetto, in tanti l'hanno fatto, ma questa ha avuto un esito discutibile.
 
08 Dicembre 2008, 19:25:48Commento scritto da luciana
Voto: 10.00
Affascinanti le avventure di Svetlana Tereskova, un'eroina "femminilizzata", costruita, cioè, con gli occhi di un uomo: sexy, furba, sensualmente fragile, facile a essere ingannata e che piange spesso. Insomma, una James Bond in gonnella senza muscoli. Ma si sa, Svet è un'eroina, e quindi è un sogno. Libro godibilissimo, che tiene appiccicati a ogni pagina per il desiderio di sapere come va a finire.
 
04 Dicembre 2008, 22:12:17Commento scritto da caioiii
Voto: 4.00
Peccato. Veramente un peccato. Un libro che sarebbe stato da 9. Trama avvincente, storicamente ben costruito, indipendentemente se condivisibile, personaggi ben caratterizzati e sopratutto di un italiano.Un romanzo appartenente alla fantascienza ucronica molto ben congegnato che mi a ricordato la trilogia dell'Occidente di Farneti. Ma poi è apparso il demone e mi sono chiesto sarà un demone, un alieno, un mutato dalle radiazione. Avidamente sono arrivato alla fine ed il demone è rimasto un demone. Che delusione.
 
04 Dicembre 2008, 18:25:59Commento scritto da Psycho
Voto: 6.50
Libro molto piacevole!Sicuramente una versione a fumetti avrebbe reso molto più giustizia alla storia!Unica pecca negativa a mio avviso e l'apparizione del demone cattivo. La mia domanda è: se ne sentiva proprio il bisogno visto il lavoro fatto per rendere verosimile il racconto dal lato storico?
Cmq rimane sempre una piacevole lettura e nel caso mi capitasse tra le mani il seguito, lo leggerei sicuramente volentieri!
 
29 Novembre 2008, 22:55:02Commento scritto da Lucky
Voto: 7.50
Mi è piaciuto. Scritto da un collega, ne apprezzo il valore dei particolari e di un certo "rigore fantastico". Bene.

lucky
 
28 Novembre 2008, 19:11:27Commento scritto da vinmar
Voto: 6.00
L'ho finito e francamente non ho voglia di leggerne una nuova puntata. Il libro, ovviamente, non è male ma alla fine è solo questo. Un libro carino a momenti gustoso ma, almeno per me, non coinvolgente. Forse sarebbe stato meglio lasciarlo come progetto di un fumetto. Il fumetto è cosa diversa da un libro e ciò che per un genere è buona non è detto che lo sia per l'altro. Per chiarezza sono un gran lettore di fumetti. Alla prossima creazione che sarà sicuramente migliore.
Vin
 
26 Novembre 2008, 18:34:34Commento scritto da Free Will
Voto: 2.00
Grande, grandissima, super mega galattica st..upidaggine.
All'inizio mi è venuta in mente la trilogia di "Eclipse" di John Shirley, perché anche in quel caso viene descritta una storia "passata" che in realtà non è avvenuta. La differenza è che JS ha avuto la sfortuna di scrivere il primo romanzo della trilogia nel 1985, pochi anni prima del crollo del muro di Berlino ed ha dovuto completare la serie, solo perché richiesto dal progetto originale; però si leggeva bene, con lo spirito di "sliding door".
Nel caso del romanzo di Altomare non c'è alcuna giustificazione a tale assurda storia (essendo scritto 40 anni dopo), però mi sono imposto di andare avanti nella lettura, perché comunque era piacevole e per rispetto del denaro speso. Ho avuto molte perplessità quando la protagonista ha iniziato a vivere più volte la stessa esperienza con esiti diversi. Pur non capendo, sono andato avanti, ma mi sono fermato quando è apparso il diavolo violentatore.
A questo punto ho gettato il volume nella spazzatura: è una delle rarissime volte in cui non ho finito un libro ed è in assoluto l'unica volta che mi è capitato di gettarlo, dopo mille Urania letti e dopo migliaia di libri in genere.
 
20 Novembre 2008, 14:51:11Commento scritto da marsman60
Voto: 8.50
Bello, piacevole,e divertente, non concordo con l'autore sulla facilita' dell'invasione russo-cinese in usa anzi era piu' facile il contrario visti gli enormi reparti di stanza in europa
ma tante' che da una pur teorica storia dovesse iniziare .
il mio giudizio sul romanzo e' molto piu' che buono anzi mi ha lasciato con la voglia di un seguito
che spero arrivi presto.
so che l'autore leggera' i commenti una cosa voglio chiedere perche' Svet non puo' o non vuole "cambiare" il passato dal giorno della bomba su New York?perche' se cosi' fosse sai quanti meno casini per la protagonista.
se volesse rispondermi basta un messaggio personale oppure se ci sara' un seguito gradirei sapere ..
 
18 Novembre 2008, 12:46:46Commento scritto da gretana
Voto: 5.00
La partenza mi è piaciuta, poi mi diventa abbastanza noiosetto, peccato.
 
18 Novembre 2008, 11:03:34Commento scritto da gianneddu
Voto: 6.00
Io prendo questo libro per quello che è. Esso è, a detta dello stesso autore, un fumetto reso libro. Il risultato è un testo scorrevore, di facile lettura, senza nessuna pretesa di rivoluzionare la storia della fantascienza. Se si prende per il verso giusto aiuta a passare qualche ora e lascia in fin dei conti una buona sensazione. Se poi si sta dietro alla credibilità allora è un altro discorso...credo che diversi scienziati ed esperti del settore scientifico, politico, sociale ecc... avrebbero argomenti per definire poco credibile almeno il 90% (come sono ottimista!) dei libri di fantascienza che leggiamo ma a noi interessa viaggiare di fantasia senza per forza credere. O No?
 
17 Novembre 2008, 13:54:24Commento scritto da attiliosfunel
Voto: 2.00
Do questo voto basso per controbilanciare i peana degli altri. Onestamente, ero partito a leggere con altre aspettative ma ho abbandonato dopo poche pagine. Il punto: esattamente quando viene fornita la risibilissima spiegazione del dominio comunista in Nord America. Assolutamente improbabile!!!   Sarebbe stato molto meglio non fornirla affatto. Mi dispiace, perché a quel punto (forse è una mia fisima, lo so), il romanzo ha perso completamente di credibilità ai miei occhi, anche perché avevo un giallo di Wallnder da leggere e mi sono chiesto chi me lo faceva fare di continuare con una tale panzana. Peccato, perché avevo apprezzato l'altro Premio Urania di Altomare.
 
12 Novembre 2008, 22:07:14Commento scritto da bibliotecario
Voto: 8.00
Finalmente un libro pieno di azione, coinvolgente e nel miglior stile di Altomare.
Libro suddiviso in capitoli a se stanti, legati tra loro dagli stessi personaggi e da una storia in sotto fondo che si dipana capitolo per capitolo, molto simile nella costruzione a " Vladimir Mei ", altro succeso di Altomare.
Storia di base ucronica, molto interessante con personaggi che sembrano presi da un fumetto o da un videogioco ma che in realtà non risultano eccessivamente stereotipati ma anzi, sono ben caratterizzati e mai banali.
Lettura molto scorrevole e appassionante, veramente un ottimo Premio Urania.
 
11 Novembre 2008, 14:27:33Commento scritto da Gundam70
Voto: 8.00
Bello e divertente, questo e' un romanzo pieno di azione. La divisione dei capitoli cosi' brevi rende molto agevole la lettura. E' proprio un fumettone, ma con personaggi ben collocati e ben caratterizzati.
Una lettura decisamente piacevole.
 
09 Novembre 2008, 02:36:21Commento scritto da Eremita
Voto: 8.50
Bello, bello, bello. E italiano... Bella storia, stile scorrevole, originale, piacevolissima da leggere...
divisione in capitoli agevole da leggere, trama intrecciata ma coinvolgente...
Si fa leggere tutto d'un fiato. Spero di leggerne un altro così a breve!

Consigliato!!
 
Utenti cui piace il libro
Utenti cui non piace il libro