24 Agosto 2009, 00:28:22Commento scritto da maxpullo
Voto: 7.00
Sebbene la quarta di copertina ci avverta che questo è un romanzo "insolito", è praticamente impossibile non essere sconcertati dalla tangibile stranezza e dal clima di irrealtà che scaturisce già dopo la lettura delle sue prime pagine.
Le maledizioni del predicatore dall'improbabile nome di Ezechiele Giosuè Tubber contro la vanità delle donne e contro gli svaghi dell'era moderna, i sussurri dei suoi adepti circa il fantomatico "potere" di cui egli farebbe talvolta uso, vengono utilizzate da Mack Reynolds per constuire una delle trame più strane e sensazionali che si siano mai viste sulle pagine di un libro e per condurre una intelligente e brillante satira del moderno mondo consumistico.
Attraverso le parole del predicatore e attraverso la sua ideologia, il messaggio trasmesso dall'autore è semplice e lineare: l'economia del mondo occidentale in generale e degli Stati Uniti in particolare dipendono dalla capacità di creare e indurre bisogni consumistici sempre più spinti e che per favorire la crescita economica di questa realtà (e di impedirne un pericoloso ristagno) è necessario che la gente sia spinta ad acquistare ed a spendere, anche oltre le sue reali necessità e capacità.
E' davvero difficile non riconoscere in questo messaggio una attualità che sconcerta e spaventa, quasi impossibile non fare un confronto tra queste parole scritte a metà degli anni '60 con quelle quasi quotidianamente pronunciate da tutti i presidenti e governatori delle nazioni del mondo occidentale durante l'attuale periodo di crisi economica: per uscire dalla crisi e ridare slancio all'economia bisogna spendere ed acquistare ed ogni consumatore è costantemente invitato a compiere il suo dovere.
La bravura di Reynolds sta nel riuscire a veicolare questo messaggio tra le righe di un romanzo assolutamente straordinario che forse non rientra nei canoni classici delle storie di fantascienza, ma che resta una storia fantastica e piena di ironia, che sorprende, insegna e diverte dalla prima all'ultima pagina.
Poco importa poi se non venga data alcuna spiegazione del misterioso "potere" e se il finale sia un po' deludente: nonostante questi difetti, questo rimane un romanzo straordinario e attualissimo, un vero classico che consiglio a tutti di leggere prima o poi.

Nota: ripresa valutazione/commento numero 451
 
12 Gennaio 2006, 10:52:14Commento scritto da marsman60
Voto: 7.00
bellino godibile come in genere tutti i romanzi di reynolds
 
Utenti cui piace il libro
attiliosfunel, Barlow_54, woland
Utenti cui non piace il libro