22 Aprile 2014, 11:34:33Commento scritto da raffa
Voto: 5.50
Risente sicuramente degli anni trascorsi. L'idea di una umanità condizionata da alieni supentelligenti sarebbe diventata un topos della narrativa fantascientifica, ma che differenza rispetto a "Il terrore dalla sesta luna". Lo svolgimento dei "Vampiri della morte"  (che terribile traduzione del titolo originale) è ingenuo, faticoso a tratti e manca, dopo un promettente inizio, di ogni tensione narrativa, risultando, infine, alquanto noioso.
 
19 Aprile 2009, 10:22:50Commento scritto da maxpullo
Voto: 7.00
Davvero sorprendente questo brevissimo romanzo di Jerry Sohl di cui, sino ad oggi, non avevo mai letto nulla.
Non ci sono brividi di paura, nè macabre visioni di terrore perchè la storia da lui costruita non ne ha bisogno: questi misteriosi "vampiri" che da sempre accompagnano l'evoluzione umana non sono esseri sovrannaturali o morti viventi, ma comunissimi alieni in cerca di un tipo di "nutrimento" assai particolare. Gli effetti sull'uomo di questa bizzarra catena alimentare sono esattamente gli stessi, se non peggiori, di quelli nefasti dei classici vampiri delle storie horror, ma sono certamente più giustificabili e comprensibili nella logica universale della legge della sopravvivenza del più forte.
In alcuni punti si nota una certa romantica ingenuità e la trama può apparire un po' stucchevole o all'acqua di rose, ma l'idea di fondo del romanzo è molto buona e queste inimmaginabili creature in grado di condizionare gli uomini apparendo nei loro sogni meritano un posto d'onore nella vastissima collezione di vampiri mai prodotti dall'immaginazione umana.
Un bel libro che mi sento di consigliare a tutti.
 
Utenti cui piace il libro
Utenti cui non piace il libro
robifont