09 Luglio 2017, 11:35:51Commento scritto da astrologo
Voto: 8.00
Una cavalcata nell'impossibile che non delude.
Ladri di tempo: Discreto romanzo sugli incontri con gli alieni e su un adduction positiva, costruito in maniera a dir poco travolgente-7,5
Musica nello spazio: Uno dei più bei racconti che ho letto. Lo metto al terzo posto dopo il Villaggio incantato di Van Vogt e il bellissimo Il mio nemico-8,5
Totale:16- media
 
27 Agosto 2013, 11:55:34Commento scritto da maxpullo
Voto: 7.00
Un Koontz ad inizio carriera si cimenta con un argomento difficilotto come può essere quello dell'etica comportamentale di un uomo posto di fronte ad una affascinante possibilità evolutiva: se ci venisse fatto un "dono" per errore saremmo onesti e lo ridaremmo indietro o lotteremmo fino alle più estreme conseguenze per tenercerlo?
La scelta fatta dal protagonista può risultare antipatica, immorale e non condivisibile da tutti, ma è una scelta come un'altra e Koontz sceglie di descrivercela coraggiosamente giustificando passo dopo passo l'evoluzione del protagonista, da uomo braccato e spaventato ad implacabile assassino.
Personalmente l'ho trovato perfetto dal punto di vista della trama, anche se un po' carente dal punto di vista dello sviluppo: certamente avrebbe giovato una maggior attenzione ad alcuni dettagli e qualche spiegazione meno "tirata via". I brani onirici in cui il protagonista vive il suo primo contatto con gli alieni, tuttavia, sono scritti benissimo e lasciano trasparire già una vena horrorifica che diverrà la caratteristica principale del Koontz più maturo.
Buono.
 
07 Gennaio 2013, 21:12:06Commento scritto da bal-lard
Voto: 3.00
la scelta superomistica del protagonista nel finale mi è risultata leggermente fastidiosa.
sicuramente migliore il racconto in appendice che lo striminzito "titolare".
 
23 Marzo 2009, 10:00:40Commento scritto da Eremita
Voto: 6.00
Raccontone incentrato su un mistero e sull'amore che arriva appena alla sufficienza. Una misteriosa amnesia e quello che nasconde. Un protagonista forse troppo super e dei "nemici" troppo facili da battere. Stile lineare e di facile lettura. Pregevole soprattutto il racconto d'appendice lungo quasi quanto quello principale e anche migliore.
 
26 Luglio 2006, 12:19:02Commento scritto da alfasecur
Voto: 4.00
TOCCATA E FUGA, ROMANZO BREVE CHE TOCCA,TOCCA,TOCCA, MA NON FUGGE MAI.
MONOTONO,INCONCLUDENTE,PER FORTUNA CORTO. I LADRI, SE POI CE NE SONO, TUTTO HANNO RUBATO TRANNE CHE IL "TEMPO".
TROVO CHE L'UNICO TEMPO RUBATO E' QUELLO CHE RICHIEDE LA LETTURA.
 
Utenti cui piace il libro
Soci della Tana del Trifide:

Vedi il profilo utente, kal-el
Utenti cui non piace il libro