08 Agosto 2015, 19:48:30Commento scritto da chipmunk
Voto: 5.00
Riporto il commento che a suo tempo diedi "all'equivalente" n. 290:

Troppa carne al fuoco per poco più di cento pagine: la fuga dopo un omicidio, una banda di bulli di periferia con deviazioni shakespeariane, una misteriosa (e tale rimane) figura femminile, una storia d'amore in tre righe, esperimenti (o guerre?) atomici, superbambini, un centro sperimentale segreto, complotti governativi, un tentativo di scoop giornalistico e persino, in embrione, il prequel de "I figli degli uomini"... Situazioni ed avvenimenti ruotano però attorno al protagonista senza costruire alcuna storia, lasciando l'impressione di aver assistitito, più che letto, ad un telegiornale, al termine del quale, una volta spenta la televione, rimane solo l'eco delle notizie ascoltate e la sensazione che, come al solito, non sia in realtà successo niente.
 
01 Maggio 2015, 22:42:14Commento scritto da mitd
Voto: 7.00
Ricco di avvenimenti e di spunti sviluppati a volo d'uccello, psicologia dei personaggi appena abbozzata ( e non molto plausibile, ad esser sinceri), trama intrigante, finale amaro: nel complesso, un romanzo targato anni '50 che si fa leggere volentieri.
 
04 Aprile 2014, 10:52:42Commento scritto da brz57
Voto: 6.50

Il romanzo e' vecchiotto ma si legge ancora bene...storia  dal finale amaro, ma forse prorpio per questo piu' "vera".
 
02 Aprile 2014, 13:20:46Commento scritto da maxpullo
Voto: 7.00
Romanzo scorrevole e ricco di azione anche se forse c'è un po' troppa carne al fuoco e gli episodi rimangono un po' slegati tra di loro.
Il ritmo frenetico non da modo di apprezzare appieno gli avvenimenti ed i tagli evidentissimi alla traduzione del testo rendono faticoso raccapezzarsi a causa di sbalzi repentini durante la stessa azione.
In poco più di 100 pagine accade di tutto e la fuga del protagonista, una fuga serrata sin dalle primissime pagine, diviene il pretesto (un po' artificioso in verità) trovato dall'autore per arrivare a far luce su un mistero tremendo e destinato a cambiare il volto della Terra nel giro di poche decine di anni.
I personaggi appaiono appena abbozzati e non sempre si riesce a scorgere coerenza nel loro agire.
Il finale, molto amaro, è abbastanza scontato, ma anche assai efficace nel suo intento di concludere brutalmente una storia cupa e altamente drammatica.
Alla fine rimangono diversi quesiti aperti, spiegazioni non date e personaggi un po' evanescenti e, inoltre, alcuni espedienti dell'autore per rivelare la trama appaiono un po' forzosi e poco convincenti, ma rimane comunque l'impressione di aver letto un libro validissimo dal punto di vista della storia che racconta, una storia terribile ma niente affatto inverosimile.
Buono se non si hanno troppe pretese
 
25 Maggio 2011, 12:47:02Commento scritto da Arne Saknussemm
Voto: 6.00
Vecchia lettura... riporto il voto che misi al libro dopo averlo letto.
La prima parte del libro è molto bella. Il resto...nulla di particolare.
Si legge con piacere.
 
20 Maggio 2008, 10:19:36Commento scritto da Morgan
Voto: 6.50
Gradevole e dignitoso romanzo, scritto nel lontano 1960 quando l'incubo delle esplosioni nucleari tra U.S.A. e U.R.S.S. con conseguenti contaminazioni radioattive era molto forte. E di queste conseguenze tratta il romanzo, della preservazione di 14 bambini con i capelli bianchi, futuro e speranza della terra. In questa storia si imbatte casualmente Simon Largwell dopo una faticosa e dura fuga dalla polizia per aver ucciso,involontariamente, la moglie. Da questo romanzo il regista Joseph Losey, un anno dopo ,trasse il film "Hallucination" cambiando un po la storia e qualche personaggio (lo stesso voto anche al film).
 
Utenti cui piace il libro
Utenti cui non piace il libro