31 Dicembre 2012, 01:35:09Commento scritto da Dart Fener
Voto: 6.50
Discreto romanzo dal finale, almeno in parte, prevedibile.
 
11 Aprile 2011, 22:44:54Commento scritto da Scubamanu
Voto: 7.00
"Trascorrono i millenni ma l'uomo non smette mai d'essere un primitivo"
Questo è quello che ho pensato leggendo questo romanzo.
Un'avventura avvincente che mette su binari paralleli l'evoluzione della tecnologia e la staticità del modo di ragionare umano.
Bello!
 
04 Giugno 2010, 18:43:59Commento scritto da marvin83
Voto: 7.00
lettura piacevole, in toto devo dire che il libro mi è risultato avvincente. in particolare mi è piaciuto il modo in cui viene caratterizzato il protagonista. consigliato
 
31 Gennaio 2010, 22:35:52Commento scritto da Leinster57
Voto: 6.00
Ricordo che mi era piaciuto
 
22 Marzo 2008, 00:24:08Commento scritto da maxpullo
Voto: 7.50
Venuto alla luce 3 giorni dopo di me (!) questo libro è tra i primi che ho letto e che ricordo con più piacere. Concordo nel dire che la prima e la seconda parte sono più avvincenti della terza, ma il colpo di scena finale ridà al romanzo la giusta prospettiva e ne fa un libro buono, consigliato a tutti.
Oltre alla splendida copertina di Thole, ho trovato molto bella la trama riportata sul retro: come un racconto di Buzzati dice quello che deve dire e si interrompe al punto giusto, mettendoti voglia di aprire subito il libro e leggerlo!!!!!
 
08 Giugno 2005, 10:19:48Commento scritto da attiliosfunel
Voto: 6.00
Carino, nulla più. Più o meno sono d'accordo con il giudizio precedente. Bellissima invece la copertina di Thole.
 
07 Giugno 2005, 13:19:45Commento scritto da francibass
Voto: 6.50
Tema originale ed interessante, il romanzo inizia con il confronto tra uno spaziale evolutissimo ed i barbari scozzesi del II secolo d.C., che subito cattura l'attenzione per la buona narrativa, resa dal punto di vista del capo della guarnigione romana ai confini dell'impero. La seconda parte rimane abbastanza avvincente mentre delude un po' la terza, che per conto mio manca un po' di immaginazione e cade nei luoghi comuni del post-disastro.
 
Utenti cui piace il libro
Utenti cui non piace il libro