31 Luglio 2013, 02:17:41Commento scritto da Fantobelix
Voto: 7.00
La lettura partita con entusiasmo per l'ottimo romanzo breve che dà il titolo all'opera, ha avuto momenti sfilacciati e poco scorrevoli, rallentando la produttività di un impegno che a tratti ho faticato a portare avanti. Strano perchè a parte qualche racconto ho trovato molto originali e stimolanti parecchi spunti, soprattutto le sottolineature sull'insensatezza delle convenzioni sociali, etologiche e etiche, spesso incomprensibili, vuote o totalmente aberranti relativamente a quelle di mentalità e stili di vita di razze diverse e fra loro aliene.
Non certo una sf hard, ma quasi un gioco nel fare entrare in contatto e far convivere in uno stesso contesto ambientale culture e filosofie in forte contrasto se non addirittura tra loro repulsive: Vance, come un piccolo chimico curioso e divertito, mette insieme elementi a rischio di esplosione, per vederne l'effetto sortito.
Ricchissime e variegatissime le razze, i popoli e i contesti socio-culturali creati, con qualche trama più avvincente grazie a sfumature gialle.

- L'Opera dello spazio: l'opera di gran lunga il più interesante e articolata, impreziosita dalle citazioni musicali, qui prestate a dissacrare e sbeffeggiare l'umana prosopopea di esportare "filantropicamente" la propria cultura ritenuta superiore all'alieno-da sé (in quanto sconosciuto). Un vero divertissement che senza togliere valore alla musica, la spoglia dal suo uso elettivo per colpire gli esportatori di cultura dominante, (o di pace o democrazia?). Voto 8.

- Nave scuola 25:  Un pò più tecnologico e atipico in questa raccolta, piacevole racconto di sfida all'umana capacità di reagire alle prove. Voto 7.

- Il paradiso di Ullward: E' più importante il valore oggettivo e reale di una ricchezza o la sua ostentazione fine a sè stessa? Voto 6.

- L'ultimo castello: Un'irrinunciabile dignità di ceto porta al suo annientamento, in uno sfondo quasi fantasy: voto 6,5.

- Stazione Abercrombie: Una paradossale enclave di opulenta pinguedine, messa a nudo nella sua miseria. Voto 5,5.

- Il Faleno lunare:
Bel racconto in cui le convenzioni sono tutto e prevalgono su tutto. Voto 7,5.

- Il Ruffaldo: Uso improprio e fastidioso di una nobile scoperta scientifica. Voto 5.

- Il caso Dacre: Una serrata caccia tra le stelle, sulle tracce di un geniale chirurgo in preda a delirio di onnipotenza.   Voto 7.
 
06 Settembre 2011, 11:12:54Commento scritto da gasp63
Voto: 7.00
L'opera dello spazio : finalmente mi decido a leggere anche questo romanzo di Vance. Forse un opera minore rispetto ad altre, se non altro per la brevità della storia. Ottimo lo spunto per accostare fantascienza e musica. Fantasiose le culture aliene visitate. Avventuroso, scorrevole, abbastanza estivo, ma soddisfacente. Buono (7)

Anche il giudizio sui racconti è positivo:

Nave scuola 25 : nave scuola a vele solari, con istruttore aguzzino. Ottimo (8)

Il paradiso di Ullward : terra sovrappopolata e ultraricchi che cercano di evadere acquistando pianeti non ancora popolati. Interessante (7)

L'ultimo castello: futuro della terra in stile barocco con riferimenti alla tradizione medievale Giapponese. Buono (7)

Stazione Abercrombie : piccolo giallo obeso. Buono (7)

Il Faleno lunare: pianeta teatrale, con maschere e giallo. Sufficiente (6)

Il Ruffaldo: spunto interessante sul tema degli universi paralleli. Sufficiente (6)

Il caso Dacre: un altro piccolo giallo, con finale alla Wells (7)  
 
28 Agosto 2008, 09:18:51Commento scritto da io.robot
Voto: 6.00
............ sufficiente ma nulla più
speravo sinceramente meglio da Vance

non lo rileggerò
 
Utenti cui piace il libro
Utenti cui non piace il libro