10 Ottobre 2016, 11:50:50Commento scritto da remotino
Voto: 7.00
Storia interessante si legge bene. In alcune parti un poco ripetitivo.
 
02 Gennaio 2015, 15:46:18Commento scritto da emilio
Voto: 5.50
E' un libro curioso, che risente della fondamentale psicologia involuta dell'autore. Non lo consiglierei
 
08 Novembre 2013, 10:46:56Commento scritto da wawawa
Voto: 6.50
sicuramente un buon libro ma per me non va oltre il 6,5
 
28 Giugno 2013, 10:10:00Commento scritto da and
Voto: 8.00
Questa è pura fantascienza, Silvelberg al suo massimo splendore.
Il protagonista mi ha ricordato Gully Foyle di tigre della notte, la descrizione del labirinto è avvincente, mi è piaciuto anche il finale.
Bello!
 
23 Giugno 2013, 22:36:09Commento scritto da Imriel
Voto: 7.00
Libro avvincente che mi ha "rilassato" dalla lettura traumatica (per il mio cervello) di Philip K. Dick.
 
11 Aprile 2013, 12:05:27Commento scritto da maxpullo
Voto: 7.50
Indubbiamente un bel libro che ha i suoi principali punti di forza nella descrizione iniziale del labirinto e nella caratterizzazione del dramma psicologico del protagonista mentre il difetto principale è la sua apparente "incompletezza" e la forzatura di alcuni passaggi.
Silverberg, infatti, rappresenta molto bene il pessimismo derivante dalla constatazione dell'umana incapacità di sopportazione del prossimo, ma, a mio avviso, spinge questo pessimismo un po' troppo in là ed il libro si perde qualcosa: possibile che la capacità di emanare le proprie emozioni abbia connotazioni esclusivamente negative? Possibile che la gioia del ritorno o del ritrovarsi con la propria compagna susciti solo ondate di sofferenza e "fetore" psichico? Rimane il dubbio che questa interpretazione sia riferita al solo protagonista ed alla sua vicenda specifica, ma Silverberg non lo chiarisce e sembra anzi indicare con una certa chiarezza che questa insofferenza verso le emanazioni altrui sarebbe un male comune e diffuso qualora l'uomo disponesse di questa capacità.
Questa apparente forzatura fa si che del libro rimanga l'impressione di un romanzo certamente molto buono ma con limiti evidenti ed inspiegabili e che ne abbassano la valutazione.
 
21 Ottobre 2011, 12:37:54Commento scritto da Rocheta
Voto: 7.50
Dall’idea affascinante di una città labirinto Silverberg ha saputo sviluppare un romanzo appassionante e a tratti struggente per le implicazioni interpersonali che intercorrono tra i principali protagonisti. Riletto dopo diversi anni mi ha impressionato favorevolmente come la prima volta. Trama e impianto narrativo ancora validi.
 
15 Maggio 2011, 11:49:33Commento scritto da belvas
Voto: 7.50
La città labirinto che fa da affresco ad una storia tipicamente americana, con l'eroe che sconfigge gli alieni  cattivi, è una idea di di grande fascino. Dovunque è stato possibile reperire le vestigia di una grande civilità che ha resistito al tempo l'idea è sempre di grande fascino, pianeta proibito e i creatori di mostri, la fine mi sembra un poco affrettata. gli alieni in questo caso c'entrano poco, concordo con chi ritiene Slverberg dotato di buone idee, ma troppo attento alla quantità.
 
26 Marzo 2011, 14:50:51Commento scritto da npano
Voto: 7.50
Un bel romanzo, si legge d'un fiato
Il labirinto fa da sfondo ad una storia molto più ampia nei temi affrontati.
Da leggere
 
20 Luglio 2007, 12:36:29Commento scritto da victory
Voto: 8.00
L'ho riletto, forse per la quarta volta, e l'ho trovato ancora bello. Si legge tutto d'un fiato. Il primo pezzo è il migliore, quello del labirinto.    
 
05 Maggio 2007, 18:10:57Commento scritto da grifone58
Voto: 7.00
Letto parecchio tempo fa, lo ricordo con piacere... sicuramente da non perdere
 
16 Maggio 2005, 13:37:42Commento scritto da nemesis
Voto: 7.50
Romanzo molto bello e interessante, molto bella l'idea del labirinto che ricorda un misto di Labyrinth e Indiana Jones. Affronta molto bene temi psicologici con idee brillanti.
MOLTO BELLO
 
Utenti cui piace il libro
Soci della Tana del Trifide:

Vedi il profilo utente


Utenti non associati:

attiliosfunel, Free Will, bluemoon58
Utenti cui non piace il libro