04 Luglio 2015, 12:53:57Commento scritto da astrologo
Voto: 6.50
ho ricevuto l'edizione nella serie "Medusa" di Mondadori a suo tempo per un racconto che mi fù pubblicato su Urania. All'epoca lo trovai noioso. Non avendo più avuto occasione di rileggerlo, potrei cambiare la prima impressione, anche alla luce del film tratto da "Gli anni della fenice".
 
08 Ottobre 2013, 09:43:05Commento scritto da Oldman
Voto: 7.00
Abbastanza ingenuo e retrò, ma divertente e scorrevole.
 
08 Ottobre 2013, 00:26:42Commento scritto da Klaatu
Voto: 9.50
Nella mia personale valutazione  questa serie di racconti, da considerarsi come un unico romanzo, è, a pari merito del City di Simak, il capolavoro assoluto di tutto quanto io abbia mai letto in fantascienza. E' un romanzo, dicevo, perché alla struttura a racconti singoli contrappone una continuità narrativa tale da farlo apparire come un’unica collana composta da tante perle unite da un etereo filo, fatto di rimpianti per le grandi e perdute speranze per l’imminente conquista dello spazio, per come avremmo voluto essere,  per come in realtà siamo, o di sospiri per la percezione dei pericoli che incombono e che scaturiscono dall’inconoscibile universo sia esterno che interno a noi, sino ad arrivare alla distruzione di noi stessi e alla speranza di poter ricominciare. Tutto l’infinito di cui abbiamo bisogno è lì, a pochi passi da casa (Marte è qui da noi e noi siamo i marziani), o addirittura dentro di noi.
E allora come mai, se per me questo è uno dei due capolavori assoluti della SF, mi limito ad un voto di 9.50?, perché questo romanzo è come un bel sogno che mi lascia il desiderio di poterne fare altri ancora migliori, a cui riservare il voto assoluto;  perché non ci deve essere un tetto ai sogni.
 
30 Maggio 2011, 12:31:33Commento scritto da Arne Saknussemm
Voto: 8.00
Vecchia lettura...riporto il voto che misi al libro dopo averlo letto.

Una SF molto "Bradburyzzata". Un testo originalissimo e certamente da leggere almeno una volta.
 
05 Aprile 2011, 22:45:30Commento scritto da PabloE
Voto: 9.00

Bella serie di racconti collegati fra loro nella colonizzazione, decolonizzazione e ricolonizzazione (questa volta si spera migliore) di Marte, pianeta così tanto rassomigliante all'America scoperta da Colombo, con i suoi abitanti così tanto somiglianti ai nativi americani, con i suoi colonizzatori così tanto simili agli europei del '500.
La "scienza" del libro è misera, ma poco importa, perchè questo libro è poeticamente bello, e tanto basta.
Alcuni racconti servono giusto da contorno, un "di più" non strettamente necessario (come Usher II).
Traduzione migliore rispetto a Fahrenheit ma pur sempre sotto la sufficienza di Monicelli che ostenta il suo italiano antiquato.
 
12 Ottobre 2009, 08:53:20Commento scritto da nemesis
Voto: 5.50
Probabilmente la problematica è troppo lontana dai nostri tempi, ma devo dire che non è riuscito a coinvolgermi, secondo me il collage delle singole strorie non è uscito proprio benissimo, e devo dire che arrivato a metà non vedevo l'ora di finire. Mi spiace perchè ero partito a leggere con grosse aspettative.
 
21 Settembre 2008, 16:48:22Commento scritto da nanuk
Voto: 8.50
Molto bello!

Il libro è costituito da più episodi legati tra loro (alcuni a dire il vero non in modo molto organico); alcuni capitoli sono davvero bellissimi ed emozionanti. E' un libro che doveva far riflettere e di sicuro riesce nell'intento ancora oggi.
Di Bradbury ho letto solo questo libro e "Fahrenheit 451" che ritengo comunque superiore a "Cronache Marziane" e uno dei libri più belli che abbia mai letto..

P.S. Libro letto nell'edizione Mondadori Oscar Scrittori del Novecento.
 
11 Settembre 2008, 16:57:02Commento scritto da attiliosfunel
Voto: 4.50
Noiosissimo. Lo scrivere bene fine a se stesso. Bella solo la copertina di Brambilla.
 
11 Settembre 2008, 09:14:42Commento scritto da nickel
Voto: 9.00
Splendido, triste, affascinante.
 
24 Maggio 2008, 08:55:26Commento scritto da lonewalker
Voto: 7.00
Bello con pacatezza di descrizioni.....non traumatizza, non sciocca, scorre morbidamente fino alla fine. Non è, a mio avviso, il miglior Bradbury ma merita la sufficienza piena.
 
24 Maggio 2008, 04:02:46Commento scritto da Eremita
Voto: 8.50
Molto bello, non si può descriverlo in poche parole...
Ray Bradbury non delude e questo libro ne è un esempio.
Consigliato!!
 
15 Febbraio 2007, 09:26:45Commento scritto da Gundam70
Voto: 8.00
Sebbene la SF di genere Umanistico non sia il mio genere preferito di SF, questo Cronache marziane e' decisamente un bel libro e butta le basi per far riflettere su domande filosofiche riguardo l'uomo.
Leggendo alcuni dialoghi, mi ha fatto ricordare i tempi di scuola, in particolare  "dialogo fra un viandante ed un venditore di almanacchi" di Giacomo Leopardi. Lo so non ha nulla a che fare con la SF, ma a me ha fatto questo effetto.
 
11 Ottobre 2006, 12:25:28Commento scritto da ky0
Voto: 10.00
Stupendo  :-*
 
06 Febbraio 2006, 14:12:54Commento scritto da marsman60
Voto: 8.00
RIFLETTE BENISSIMO LO STATO D'ANIMO E LE ASPETTATIVE DI QUEGLI ANNI POST-ATOMICA LE PAURE IL TERRORE DI UN'OLOCAUSTO NUCLEARE E LA VOGLIA DI RINASCITA DOPO II GUERRA MONDIALE CON LA CONSAPEVOLEZZA CHE PER SOPRAVVIVERE ALLA III L'UNICO POSTO SICURO SAREBBE STATO ,FORSE, PROPRIO MARTE.(allora nessuna sonda l'aveva fotografato)
 
12 Dicembre 2005, 22:19:36Commento scritto da grifone58
Voto: 8.50
Non c'è altro aggettivo per definirlo: indimenticabile
 
27 Settembre 2005, 09:07:37Commento scritto da gernsback
Voto: 7.50
un classico del grande ray
 
Utenti cui piace il libro
fieramosca, raffa, skywalkerboh, Squonk
Utenti cui non piace il libro