17 Settembre 2011, 10:15:23Commento scritto da maxpullo
Voto: 6.00
Chi conosce bene Dick saprà senz'altro che egli ama spesso "giocare" con il concetto di realtà, creando mondi onirici ed allucinogeni che si sovrappongono a quello cui siamo abituati a vivere: molto spesso il veicolo per "visitare" questi mondi è rappresentato da particolari tipi di droga (Le tre stimmate di Palmer Eldritch, L'uomo dei giochi a premio), altre volte invece l'ingresso in queste realtà parallele (o sottomondi o para-mondi) avviene a causa di incidenti (Ubik, L'occhio nel cielo).
Quasi sempre l'ingresso in queste realtà illusorie è talmente repentino (come il passaggio dalla veglia al sonno) che il protagonista non se ne rende nemmeno conto: a volte si riesce a "tornare indietro" (L'uomo dei giochi a premio, L'occhio nel cielo), altre volte no (Ubik), altre volte ancora non è chiaro se si sia tornati indietro o ci si sia definitivamente perduti (Le tre stimmate di Palmer Eldritch), altre volte infine il ritorno indietro non è neppure previsto perchè la realtà parallela è quella "vera" di ogni giorno (La svastica sul sole).
Utopia andata è ritorno rappresenta l'ennesima evoluzione sul tema dei sottomondi e delle realtà parallele, ma, nonostante possegga la forza visionaria delle storie migliori di Dick non è riuscita a convincermi proprio sino in fondo: la repentina escursione del protagonista nel mondo allucinatorio indotto dall'LSD appare qui più una forzatura che un qualcosa di funzionale alla trama e crea una nota stonata che in nessuna maniera si riesce ad armonizzare con il resto della vicenda.
Sino a metà libro si rimane con il fiato sospeso per seguire una vicenda affascinante e complicata che può portare ad esiti imprevedibili, poi improvvisamente il romanzo cambia registro e, quando ritorna infine nel solco principale è troppo tardi per recuperare il fascino delle pagine iniziali: secondo me la spiegazione finale è troppo confusa per riuscire a rimettere a posto i fili di una trama impazzita e mi rimane l'impressione di aver letto due libri, uno ottimo ed uno scarso per cui la valutazione è di conseguenza.
 
Utenti cui piace il libro
Utenti cui non piace il libro