05 Luglio 2015, 22:24:44Commento scritto da massimo
Voto: 7.00
.
 
19 Gennaio 2010, 22:01:27Commento scritto da maxpullo
Voto: 5.50
Una idea puerile per spiegare la catastrofe della siccità che incombe sulla Terra ed una lunghissima, pesantissima sequenza di pagine per raccontare le misteriose e sconclusionate gesta dei personaggi costretti a viverla sono le principali caratteristiche di questo romanzo.
La quasi totale mancanza di dialoghi e una prosa faticosa completano il quadro, rendendo la lettura lunga, difficile e noiosa al punto che a metà libro ci si inizia a chiedere quanto manchi prima della fine.
L'unico pregio del romanzo è la grande dote di Ballard di riuscire a descrivere i paesagi desolati talmente bene che pare quasi di esserci: la sola descrizione della spiaggia essiccata con le montagne di sale ed i pesci agonizzanti merita la lettura, ma non basta proprio a risolvere i problemi di una storia che, nonostante l'argomento, fa letteralmente acqua da tutte le parti.
Anche qui come in "Deserto d'acqua" l'attenzione della storia è spostata principalmente sugli aspetti psicologici delle persone di fronte alla catastrofe, ma, mentre nell'altro romanzo la storia era convincente ed affascinante, qui appare quasi del tutto assente e la situazione apocalittica giustifica solo in parte un cast di personaggi assolutamente fuori da ogni norma descritti in comportamenti assurdi, spesso incomprensibili.
 
19 Maggio 2009, 22:39:04Commento scritto da bibliotecario
Voto: 6.50
Terzo capitolo della quadrilogia sulle catostrofi ambientali prossime venture, questo terzo capitolo che già dal titolo ci informa su cosa ci aspetta nella narrazione, è dei quattro quello che ho trovato meno scorrevole e dalla trama più debole, sia nella descrizione degli avvenimenti, decisamente pochi e inverosimili sia nei personaggi poco credibili.Bella invece come al solito in Ballard la descrizione dell'ambiente assurto al rango di protagonista del romanzo.
 
13 Settembre 2006, 19:10:53Commento scritto da Moebius
Voto: 6.50
Una delle tante "ricerche" stilistiche dell'autore. Si nota un certo rallentamento nella narrazione che a tratti appesantisce la lettura. I paesaggi rimangono comunque suggestivi.
 
17 Febbraio 2006, 17:08:17Commento scritto da francibass
Voto: 6.50
La prosa di Ballard è una delle più raffinate in circolazione: la descrizione dei luoghi e dei personaggi è quanto mai vivida e reale e non si fa fatica ad immaginarli. Però la trama è lenta e non offre particolari punti di svolta e per di più è frammentata in numerosi, cortissimi capitoli (a volte solo tre pagine). La visione del futuro è quella del disastro ambientale, le cui cause sono descritte in termini parascientifici ma a pensarci bene il ritiro dell'acqua si potrebbe verificare in modi molto più plausibili. In ogni caso si fatica ad arrivare alla fine.
 
Utenti cui piace il libro
Soci della Tana del Trifide:

Vedi il profilo utente


Utenti non associati:

attiliosfunel, egiteo
Utenti cui non piace il libro