06 Luglio 2012, 15:57:28Commento scritto da Free Will
Voto: 9.00

L'odore del dopobarba è fastidioso e inutile, ma può essere pericoloso, quello della puzzola è disgustoso, ma potrebbe salvare l'umanità da un'invasione capitalistica molto particolare.
Questo, in estrema sintesi, è il succo del romanzo. Come tutti i libri di Simak, all'inizio sembra che non accada alcunché e che si assista ad eventi del tutto ordinari e privi di interesse. Poi di colpo veniamo proiettati in una vicenda angosciante che, per alcuni versi, ricorda gli "ultracorpi" di Finney. Si legge tutto d'un fiato, senza possibilità di staccarsi.
Il linguaggio è piacevole, anche grazie alla revisione della traduzione originale di Stefano Torossi, fatta da Dario Rivarossa.
 
16 Febbraio 2012, 11:32:34Commento scritto da marpata
Voto: 5.50
 
15 Febbraio 2010, 16:47:49Commento scritto da iogy
Voto: 5.50
di Simak ho letto di meglio!
 
18 Maggio 2009, 14:14:08Commento scritto da maxpullo
Voto: 6.50
Mi ricordavo che ad una prima lettura questo racconto non mi aveva appassionato più di tanto ed ora posso confermare: la storia è molto originale, gli elementi di fantasia, propri del miglior Simak, ci sono tutti e la vicenda scorre piacevolmente, molto ben narrata, ma, a differenza di altre storie, si avverte la mancanza di qualche spiegazione in più e molte trovate mi sono apparse piuttosto banali o irreali.
Posso solo immaginare che l'intenzione di Simak fosse quella di ironizzare sul sistema capitalistico perchè in alcuni punti mi è sembrato di scorgere una sorta di satira contro la fragilità del sistema economico basato sui capitali, ma l'idea è appena abbozzata.
Intendiamoci: il romanzo è carino e divertente e merita una lettura, ma, con il nome di Simak in copertina, è lecito aspettarsi qualcosa di migliore ;-)

NB. stessa valutazione dell'U315
 
14 Agosto 2007, 08:46:51Commento scritto da Gundam70
Voto: 8.00
Dopo le prime 10-15 pagine ho pensato di essermi imbattuto in un libro non del mio genere e quindi non gradito.
Pero' la sensazione e' passata subito e ho iniziato a trovare sempre piu' interesse.
Il senso di paura per quello che succede attorno al protagonista diventa sempre piu' palpabile. A mio giudizio ha reso meglio quest'atmosfera Simak in questo romanzo che Finney nell'Invasione degli ultracorpi, peraltro bel romanzo anche quello.
L'umanita' pecca un po' di semplicita' e faciloneria.
Ma penso che possa in qualche modo essere la fotografia degli Stati Uniti degli anni '60. Oggi siamo abituati a ben altro: libri, film, videogiochi ci hanno abituati ed educati a cose e concetti non cosi' diffusi al grande pubblico di cinquant'anni fa.

 
19 Giugno 2007, 18:11:38Commento scritto da rammstein
Voto: 8.00
Originale, avvincente e ironico nella trama. Da leggere.
 
12 Febbraio 2007, 23:03:25Commento scritto da Gort
Voto: 8.00
La mia prima lettura fantascientifica. Grazie a Dio è stata buona! Un romanzo fresco, pulito, originale e senza dubbio degno della fama del suo autore.
 
07 Febbraio 2006, 10:22:54Commento scritto da MissAngie
Voto: 8.00
Bella storia ben scritta, si legge d'un fiato! ottima atmosfera. Buono anche per chi non legge abitualmente fantascicenza.
MissAngie
 
21 Settembre 2005, 12:39:16Commento scritto da Luxor84
Voto: 8.50
Ho gradito molto questo libro, che ci ricorda ancora una volta come molte delle cose per cui ci scanniamo giornalmente siano cosi futili e facili da toglierci.
 
03 Settembre 2005, 08:03:21Commento scritto da Lazarus
Voto: 7.50
Buon romanzo facile e scorrevole, buona la suspense, ben caratterizzati i personaggi, forse un pò scontato il finale, forse perchè ha fornito al lettore diversi indizi cammin facendo.
 
02 Settembre 2005, 09:59:05Commento scritto da vipotto
Voto: 5.50
In alcuni momenti, ma piuttosto rari è intrigante, ma poco più... Non è malaccio ma la trama è un po' debole e la conclusione un po' banale
 
30 Agosto 2005, 13:35:57Commento scritto da io.robot
Voto: 8.50
a me è piaciuto molto!
paradossale e ironico: si legge d'un fiato (l'ho letto in due giorni) ci si potrebbe forse fare anche un film
LO CONSIGLIO

Ps: è piaciuto anche alla Presidentessa Vogon
 
21 Giugno 2005, 10:30:47Commento scritto da attiliosfunel
Voto: 6.50
Carino, scorrevole, intelligente, ma Simak è in generale sopravvalutato... se non avesse scritto quell'unico, autentico capolavoro che è "Anni senza fine" forse non gli avrebbero dedicato tutti questi numeri di "Urania Collezione".
 
Utenti cui piace il libro
Utenti cui non piace il libro
fieramosca