12 Luglio 2015, 20:35:35Commento scritto da grifone58
Voto: 8.00
Romanzo profetico e coinvolgente che non accusa minimamente il trascorrere del tempo, sembra assolutamente attuale... consigliatissimo
 
30 Aprile 2015, 17:50:25Commento scritto da raffa
Voto: 8.50
.
 
23 Febbraio 2015, 22:19:29Commento scritto da emilio
Voto: 6.50
. Siccome in questo libro c'era la serie del Marziano in Cattedra, in cui era un mio piccolo racconto scritto per un giornaletto di quartiere, aumento di un mezzo voto il tutto.
 
01 Marzo 2012, 15:34:13Commento scritto da Roger Wilco
Voto: 6.50
Purtroppo vado controcorrente, personalmente non l'ho trovato questo gran capolavoro. Lento, e alla fine decisamente sottotono e scontato. Idea di fondo sicuramente avvincenta e molto attuale, ma riguardo unicamente al piacere della lettura mi ha un po deluso.
 
16 Ottobre 2011, 09:55:02Commento scritto da maxpullo
Voto: 8.00
Davvero sorprendente questo romanzo che non risente minimamente degli anni trascorsi dalla sua prima pubblicazione in cui gli autori riescono a disegnare, in maniera pressochè perfetta, una società totalmente basata sul consumismo e sulle guerre tra società rivali al punto che, a tratti, si ha quasi l'impressione che i due abbiano potuto disporre di una sfera di cristallo e che abbiano esagerato volutamente solo alcuni dettagli di questa loro distopia esclusivamente per nascondere questa loro capacità di prevedere il futuro.
La loro bravura sta soprattutto nel fatto di esser riusciti a creare una immedesimazione così perfetta tra lettore e protagonista al punto che non gli serve descrivere la società nelle sue allucinanti sfaccettature, ma gli è sufficiente farcela vedere attraverso i suoi occhi. Il processo di crescita del protagonista, le sue frenetiche peripezie che lo portano a vivere tutti i "ruoli" di questa società dal paradiso del dirigente di una società pubblicitaria all'inferno dei consumatori oppressi, rapiscono il lettore facendogli vivere una straordinaria avventura di cui, davvero sino alla fine, non si riesce a prevedere l'epilogo.
Insomma, una macchina davvero ben costruita in cui c'è tutto: azione, suspense e ritmo, unite ad una analisi sociologica assolutamente lucida e convincente di una ipotetica società futura.
Un classico che diverte ed impressiona per la sua attualità
 
06 Luglio 2011, 12:18:52Commento scritto da PabloE
Voto: 8.00

L'inizio è lento, ma è giusto che sia così in questo caso: dà il tempo al lettore di ambientarsi nel futuro distopico creato da P&K, un futuro in cui il commercio ha preso il sopravvento su tutto il resto, in cui gli uomini si dividono in due classi sociali, i pubblicitari-venditori ed i consumatori, con questi ultimi che, nonostante le evidenti disparità, accettano passivamente il loro ruolo, bevendoci su un Caffeissimo. L'elemento di disturbo all'equilibrio di questa società consumistica portata agli estremi è dato dai conservatori, gli Indietristi, che vorrebbero tornare in una società più naturale.

In questo mondo distorto seguiamo un pubblicitario con il compito di vendere Venere, convincere la gente a migrare su Venere per poi sfruttare il pianeta per gli scopi della sua società: profitto, controllo, potere.

Un colpo di scena cambia il ritmo della narrazione e le sorti del protagonista portando a situazioni e ad un finale scontati, ma non del tutto e che continuano comunque ad interessare il lettore.
 
10 Agosto 2009, 20:49:56Commento scritto da Rocheta
Voto: 7.00
Nel romanzo viene ipotizzato uno scenario futuro in cui le agenzie pubblicitarie, divenute troppo potenti, mettono in atto strategie subdole per sbaragliare la concorrenza, ritenendo che tutto sia lecito pur di raggiungere il risultato voluto. "Che sia questa la strada già intrapresa ai nostri giorni?" è il dubbio che gli autori vogliono insinuare nel lettore. Ironia e satira profuse a piene mani.
 
07 Novembre 2007, 15:45:42Commento scritto da nemesis
Voto: 8.50
Bellissimo romanzo, c'è tutto, azione, particolari, ti tiene attaccato con continue novità  immerse in una società futura descritta in maniera sublime.
 
17 Febbraio 2006, 14:05:30Commento scritto da marsman60
Voto: 9.00
TALMENTE PROFETICO E ATTUALE CHE POTREBBERO AVERLO SCRITTO IERI.
 
09 Gennaio 2006, 13:05:22Commento scritto da Lazarus
Voto: 8.50
Un testo profetico, ironico e satirico. Un classico inossidabile che non può mancare tra le letture.
 
19 Agosto 2005, 03:43:47Commento scritto da combatrockit
Voto: 8.00
Semplicemente profetico, peccato per il finale leggermente sottotono rispetto al resto del libro
 
24 Aprile 2005, 11:32:30Commento scritto da Stormbringer
Voto: 9.00
Un classico della fantascienza, preveggente romanzo di una società odierna dai tanti pro ed i maggiori contro. Incredibilmente attuale anche se scritto nel 1953, in una terra oramai troppo stretta il consumatore esce dal pianeta, si consumerà egli stesso?    Da leggere assolutamente.
 
Utenti cui piace il libro
fieramosca, Free Will, jrocky, bluemoon58
Utenti cui non piace il libro