27 Luglio 2017, 00:09:07Commento scritto da contericci
Voto: 4.50
A los Angeles, improvvisamente, scoppia l'atomica. Anzi ne scoppiano ben tre. Ma siamo sicuri che siano bombe H? Le radiazioni provocano infatti strani effetti sulla popolazione, molti abitanti sono trasformati in creature demoniache, tipo zombie, la cui principale occupazione notturna è quella di trastullarsi dando la caccia ai sopravvissuti. Un manipolo dei quali si rifugia in uno scantinato senza la possibilità di poter comunicare col mondo intero. Tra di loro v'è anche uno scienziato che si arrabatta a scovare un antidoto adeguato alla malattia degenerante che colpisce gli umani. Ma chi sarà stato a lanciare l'ordigno? I russi? O forse è un esperimento governativo? Non ci è dato sapere anche perché il racconto si dipana attraverso la lotta tra uomini e mostri fino al punto in cui, alla quint'ultima pagina, arrivano finalmente i nostri a bordo di elicotteri stile vietnam. Evidentemente uno scenario profetico, visto che il romanzo è del '61.....
 
28 Maggio 2014, 15:12:17Commento scritto da raffa
Voto: 4.50
Scientificamente inattendibile, personaggi mal delineati, in alcuni momenti risibile
 
21 Settembre 2012, 22:07:55Commento scritto da chipmunk
Voto: 6.00
Sicuramente un romanzo non memorabile. Numerose ingenuità, forse comuni negli anni '50 quando il pubblico (soprattutto quello di fantascienza) era meno esigente e di palato "meno fine". Non si può, a mio avviso, non concordare sullle critiche di Longfang (personaggi stereotipati, spiegazioni "scientifiche" raffazzonate), alle quali aggiungerei lo sviluppo poco organico della trama, né giustificare le manchevolezze con l'epoca di pubblicazione (in fondo, un capolavoro è tale proprio perché trascende il suo contesto di origine...). Tuttavia, al di là dei difetti evidenti, rimane un libro di agevole (e piacevole )lettura senza eccessive pretese, per cui voglio comunque dargli la sufficienza. Non condividendo l'approccio di Free Will che, secondo me, non avrebbe dovuto "correggere" il suo voto per alzare la media a quella che lui ritiene più "giusta" (in fondo si tratta pur sempre dei giudizi di persone diverse, con opinioni diverse ed altrettanto legittime), gli lascio il "sei" che secondo me merita.  
 
07 Aprile 2009, 14:43:46Commento scritto da Psycho
Voto: 7.00
Ho letto questo romanzo con molto piacere!Sicuramente durante la lettura bisogna tenere a mente in che anni è stato scritto, certo rapportato al 2009 è pieno di inesattezze scientifiche ma per il 1962 era sicuramente un romanzo d'impatto visto anche il clima politico mondiale!Lettura consigliata!
 
28 Giugno 2008, 16:12:45Commento scritto da marsman60
Voto: 7.00
potrebbe essere migliore ma scritto nel  1951 credo che sia stato molto all'avanguardia visto che non si conosceva ancora sia il DNA sia le sue mutazioni con le radiazioni.
 
16 Marzo 2007, 04:17:39Commento scritto da Longfang
Voto: 2.00
Orripilante. Ma non orripilante nel senso di orrorifico, come potrebbe esserlo un buon romanzo horror. Orripilante come può essere un libro scritto da un procione ubriaco che ha visto per troppo tempo b-movies scadenti.
La trama è assolutamente ridicola, i personaggi stereotipati e decisamente non credibili. Nel testo ci sono ripetizioni continue, fastidiosissime. Non parliamo poi del lato "scientifico" del romanzo, dove si cerca di giustificare il fenomeno (non mi sbilancio per non "rovinarvi la sorpresa" :| )  che sembra più la spiegazione delle giovani marmotte, e che in realtà non spiega proprio niente.
Il finale poi sembra scritto di pugno da Chuck Norris.
Decisamente il peggior urania che abbia mai letto.
Spero di poterlo dimenticare, un giorno  :-

// ---- edit 16/03/2007
Aggiungo al commento questa postilla, chiedendomi se ho sbagliato a interpretare questo spazio per i commenti ai libri. Ero convinto che servisse ad esprimere un giudizio (più o meno ponderato, più o meno "giusto") sui libri, e non a rievocazioni nostalgiche sui bei tempi che furono, nè come terreno di scontro su modi diversi di vedere la fantascienza. Evidentemente mi sbagliavo...
 
15 Marzo 2007, 15:48:54Commento scritto da Free Will
Voto: 10.00
Confesso di aver barato nella votazione, perché il romanzo merita solo un 7.
Però dovevo riequilibrare un voto così ingiusto (oltretutto con una recensione così crudelmente negativa). E poi il numero 282 è, guarda caso il primissimo numero della mia collezione, non il primo che ho letto, ma quello in ordine cronologico di pubblicazione e che si trova assolutamente in testa nello scaffale. Quindi, per me, è vietato parlar male di RMW.
Nel merito, bisogna dire che il libro è ben scritto e con una dose notevole di pathos.
Per quanto riguarda il tema, occorre proiettarsi nel 1962, quando il pericolo di una terza guerra mondiale (nucleare) era concreto e non fantascienza, quindi il libro è tutto tranne che ingenuo.
 
15 Marzo 2007, 14:56:21Commento scritto da 56-bob
Voto: 6.00
... e pensare che io lo avevo letto quasi trent'anni fa e ne conservo ancora un buon ricordo. All'epoca mi aveva positivamente impressionato, tanto che sento il dovere di difenderlo !!

Che sia così legato al tempo in cui è stato scritto??
Che i lettori di fantascienza siano diventati molto più esigenti ??

A qualcun altro il compito di svelare questo mistero !
 
Utenti cui piace il libro
fieramosca
Utenti cui non piace il libro