22 Ottobre 2013, 23:52:18Commento scritto da Davy
Voto: 9.00
La più grande raccolta di cazzate della storia dell'universo. Imprescindibile!!!.
 
09 Settembre 2013, 15:22:15Commento scritto da fabri
Voto: 8.00
romanzo di grande ironia, ottima fantascienza, spassosa
 
22 Maggio 2013, 18:44:25Commento scritto da nickel
Voto: 8.00
 
14 Giugno 2012, 22:52:37Commento scritto da sandrofrompera
Voto: 9.00

spasso puro!Adams mi piace un sacco e questo suo primo libro della "trilogia in 5 libri" è davvero bello e divertente da leggere,bello anche il film che ne hanno tratto!ma verranno ristampati anche gli altri su Urania Collezione prima o poi??
 
11 Ottobre 2011, 14:57:38Commento scritto da brz57
Voto: 4.00
Non riesco a capire come Adams abbia tanti estimatori, per me un pessimo romanzucolo.....e i sequel sono ancora peggiori!  
 
16 Settembre 2011, 09:47:18Commento scritto da PabloE
Voto: 9.00

Come si può raccontare la Vita, l'Universo e Tutto quanto con la fantascienza e lo humor? Forse la Guida ha la voce che vi interessa.
In un susseguirsi di trovate pazzesche per la loro geniale comicità e di eventi fantascientifici altamente improbabili vi è narrata, con un'ironia che durante la lettura mi ha ricordato quella di Giobbe Covatta (inglese?), la storia di un uomo costretto uscire fuori dal "nido" e conoscere lo spazio, la galassia, la vita, l'universo...insomma, tutto quanto.
Ed è con l'ironia che DNA vuol fare uscire anche noi dal ghetto del nostro pensare in piccolo, sbattendoci in faccia risposte non (solo!) alla domanda fondamentale dell'universo.

Certo, alcune trovate restano fini a sè stesse e la trama si conclude con un nulla di fatto (o meglio induce a trovare quanto prima il seguito), ma nell'insieme risulta un libro più profondo di quanto non si possa credere e di quanto la Guida stessa voglia farvi credere!

Come potrebbe essere un robot dotato di un'intelligenza molto più elevata della media umana e delle "caratteristiche di una persona vera"? Depresso, ovvio.
Chi non ha mai pensato che "se gli esseri umani non si esercitavano in continuazione ad aprire e chiudere la bocca, correvano il rischio di cominciare a far lavorare il cervello"? Se non vi è mai passato di mente un pensiero simile, beh, l'unico consiglio che posso darvi è di chiudere un attimo la bocca.
 
07 Maggio 2011, 12:36:25Commento scritto da Arne Saknussemm
Voto: 7.00
Lo humor inglese non mi fa molto ridere... ne sorridere.
Il romanzo è composto da una lunga serie di gag e situazioni surreali. Alcune mi hanno davvero divertito (ad esempio il dialogo tra Pensiero Profondo ed i filosofi), altre mi hanno infastidito (la ricorrente gag dell'orologio digitale), altre ancora mi hanno lasciato indifferente (la poesia Vogon, i polizioti sensibili...). Alcune cose poi sono poco intelligibili, vedi il nuovo significato attribuito all'acronimo VIP.
L'autore gioca con i vizi, le virtu', i vezzi e le manie del genere umano e con gli stilemi della SF classica.
Parla della Vita, dell'Universo e di Tutto Quanto.
La trama sembra improvvisata, sembra andare avanti trascinata dalla fantasia di Adams, pagina dopo pagina, senza una meta precisa.
Ed ecco quella che secondo me è la vera forza del libro: la sfrenata e paradossale fantasia di Adams, la forza visionaria di certe scene, Adams è come un fantino che con il suo frustino fa galoppare la nostra fantasia come pochi altri sanno fare.
E proprio perchè salta tranquillamente di palo in frasca riesce a mettere in scena una quantità di situazioni enorme, impensabile per un "normale" romanzo di SF di circa 200 pagine.
 
02 Dicembre 2009, 16:50:54Commento scritto da Ninsun
Voto: 9.00
Irriverente, esilarante, un compendio di satira filosofica e di trovate deliranti... Non dimenticate mai a casa l'asciugamano!
 
11 Agosto 2009, 11:15:18Commento scritto da rincewind
Voto: 8.50
Adams Douglas è di una genialità incredibile, questo libro è un concentrato di umorismo che tocca livelli impressionanti. Da leggere, assolutamente, almeno una volta nella vita. Almeno...

"How many roads must a man walk by..." =D
 
18 Maggio 2009, 14:07:25Commento scritto da maxpullo
Voto: 8.50
Non date retta, vale la pena di leggerlo!
Ulteriori commenti li trovate qui.
 
13 Agosto 2007, 09:27:46Commento scritto da Gundam70
Voto: 7.50
Simpatico e divertente, in alcuni punti mi ha fatto ridere "rumorosamente" e potete immaginare l'imbarazzo quando mi sono guardato attorno e ho visto che la gente mi stava osservando in modo strano.
Ritengo che Adams sia riuscito la' dove Farmer con "venere sulla conchiglia" e Russell con "Galassia che vai" hanno provato, ma senza raggiungere un cosi' buon risultato, ossia una commistione di Fantascienza e Umorismo.
Va detto che prima di leggere il libro, mi e' capitato di vederne il film. Questo ha fatto si' che nella mia mente "vedevo" distintamente gli eventi narrati.
Ma questo mi ha anche rovinato il gusto della sorpresa di quello che seguiva.
Confesso: ora sono curioso di leggere anche gli altri romanzi. Pero' magari non proprio subito.
 
16 Novembre 2006, 23:41:26Commento scritto da Darkyo
Voto: 10.00
Delle volte, la notte mi sveglio e ripenso a qualche scena, qualche episodio narrato da Adams... Fantascienza e ironia in un connubio perfetto... prima rido, poi mi spavento.
E torno a dormire.
Capolavoro.
 
08 Novembre 2006, 00:24:53Commento scritto da Paolo-42
Voto: 10.00
42!
 
06 Maggio 2006, 18:19:27Commento scritto da pegolo2003
Voto: 6.50
Un libro molto piacevole e divertente,spero di poter leggere al più presto tutta la serie!
 
16 Febbraio 2006, 11:46:19Commento scritto da francibass
Voto: 9.50
Molti non amano la fantascienza, moltissimi non amano - né capiscono - l'ironia. Ebbene queste due categorie dovrebbero astenersi dal giudicare i lavori di Adams, perché qui di ironia e soprattutto di fantascienza, ce n'è moltissima. E come si fa a giudicare qualcosa che non si capisce? L'opera del buon vecchio Douglas non è semplicemente una serie infinita di gag inanellate senza soluzione di continuità, ma è la trasposizione dei difetti dell'umanità a livello galattico, dove la fantascienza è l'unico scenario possibile per rappresentare tanta fervida immaginazione. Inoltre la serie della Guida non è priva di una sua coerenza interna, di una evoluzione dei personaggi e di una visione escatologica che dà risposte alla storia ed alle domande fondamentali, nella migliore tradizione fantascientifica. Ripeto: chi non capisce, si astenga...
 
09 Gennaio 2006, 13:24:00Commento scritto da Lazarus
Voto: 6.00
Un genere di Humor inglese che, romanzato, probabilmente perde di efficacia. Parafrasando una celebre rivista di enigmistica sono risate a denti stretti. Qualche spunto di riflessione ma una trama estremamente ridotta all'osso.
Nonostante lo giudichi passabile non ho l'impellente necessità di leggerne il seguito.
 
16 Ottobre 2005, 20:22:48Commento scritto da combatrockit
Voto: 9.00
La fantasia di quest'uomo è (era, purtroppo) devastante. Da leggere tutto d'un fiato, apprezzando lo humour tutto anglosassone e soffermandosi sui doppi e tripli sensi che assumono le immagini e gli eventi raccontati.
 
28 Settembre 2005, 13:10:25Commento scritto da gernsback
Voto: 8.50
IRRESISTIBILE !!!!


 
12 Maggio 2005, 13:10:25Commento scritto da nemesis
Voto: 9.00
Appena riletto in attesa dell'uscita del film, opera UNICA, ti scaraventa a spasso per l'universo e una volta tornato alla realtà guarderai ogni minima cosa intorno a te con occhio diverso...inevitabile sarà, camminando all'aperto, volgere lo sguardo al cielo.....non si sa mai cosa potrebbe piovere.
 
21 Aprile 2005, 20:08:24Commento scritto da vinmar
Voto: 9.00
Una romanzo di fantascienza veramente diverso. Un grande autore sparito troppo presto. Veramente bello nella sua unicità. Mai scontato. Vi prego di meditarlo
 
21 Aprile 2005, 18:08:49Commento scritto da Longfang
Voto: 8.50
Semplicemente esilarante  ;D
 
21 Aprile 2005, 14:23:25Commento scritto da Stormbringer
Voto: 9.00
Primo di un ciclo stupendo , romanzo proposto in numerose collane , avvincente , che ti lascia a bocca aperta , l'immaginazione vola tenuta per mano da un Adams superbo , anche demenziale forse .
 
Utenti cui piace il libro
gully foyle, Franz
Utenti cui non piace il libro
attiliosfunel, fieramosca