01 Luglio 2011, 14:06:00Commento scritto da Dart Fener
Voto: 6.50
Cronache del dopobomba
E' uno dei romanzi più accessibili di Dick, il quale, per una volta, non affronta il tema della realtà. Il punto di forza del romanzo è costituito dalla psicologia disturbata dei personaggi. Peccato per il finale ridicolo.
Voto: 6,5.

La città sostituita
E' una delle prime opere di Dick e francamente si vede. Già in gioventù l'autore mostra la propria predilezione sul tema della realtà: cosa è reale e cosa non lo è. In questo caso il risultato non è dei più brillanti: non mancano idee ma la trama, che sconfina nel fantasy, lascia alquanto a desiderare.
Voto: 5,5.

L'uomo dei giochi a premio
Ottima trama, ben sviluppata. Non me la sento di dare un 8 perchè il finale in parte mi ha deluso. Comunque il romanzo scorre via che è una meraviglia!
Il romanzo per certi versi ricorda un film di Jim Carrey, vero? Non dico il titolo perchè altrimenti svelerei in parte la trama del libro.
Voto: 7,5.
 
05 Settembre 2005, 12:42:01Commento scritto da Steve Harris
Voto: 8.00
Non ho ancora letto l'ultimo racconto ma CRONACHE DEL DOPOBOMBA  e LA CITTA' SOSTITUITA meritano rispettivamente un 7,5 e un 8,5.. aggiungero' a breve il commento ed il voto all'ultimo racconto.
 
22 Aprile 2005, 16:17:15Commento scritto da vinmar
Voto: 8.50
;) Mamma mia dare un voto a Dick.Questi sono sicuramente tra i suoi romanzi tra i più belli ma tutto Dick merita di essere letto. La sua maniera di creare delle reltà fantastiche ma profondamente reali è stupefacente. E' bravo e bisogna leggerlo, buona l'idea di tre Romanzi tutti insieme peccato però che poi una volta terminati i grandi Millemondi sia scesa di qualità
 
22 Aprile 2005, 14:20:39Commento scritto da Stormbringer
Voto: 9.00
Ottima antologia, racconti stupendi di un autore che ci appassiona da sempre. Millemondi dà la possibilità a chi non riesce a reperire i singoli lavori di averli in un unico volume, ci capita spesso di rileggere queste opere memorabili mai noiose.
 
Utenti cui piace il libro
Utenti cui non piace il libro