15 Novembre 2012, 15:29:49Commento scritto da Nova68
Voto: 6.00
Ci sono dei racconti, dei romanzi che possono essere paragonati ad una buona bottiglia di vino d'annata. Il vino, dopo che si è stappata la bottiglia con largo anticipo, si lascia decantare in modo che tutti i sentori, i profumi si possano poco a poco sprigionare nell'aria e successivamente rilasciare aromi al naso e sapori alla bocca. Come dicevo, alcuni scritti si comportano cosi', se pur datati, dopo una buona sedimetazione e "decantazione" letteraria, si progongono sempre freschi e pronti ad imbrigliare il lettore. Purtroppo non è il caso di questo romanzo di Wyndham. Troppo debole l'intreccio, alcuni passaggi trascritti senza sentimento (esempio le due righe puramente descrittive della morte del figlio, oppure la scomparsa dei due scenziati nella battisfera, anche in questo caso liquidata in due righe. Il pathos ? Due scene così di forte impatto emotivo avrebbero meritato maggiore considerazione. Forse la terza parte è la migliore, anche se il finale sbrigativo, consolatorio e troppo "happy ending" rovina il tutto. Anche in questo caso, un finale molto più incerto e oscuro, crepuscolare, sarebbe stato più appropriato. Nell'insieme sono rimasto deluso, anche se la prosa, fortunatamente risulta sempre scorrevole e di facile lettura. Voto 6 di pura stima, in attesa di leggere altre prove più convincenti
 
29 Marzo 2010, 21:36:00Commento scritto da brz57
Voto: 7.00
Semplice, convincente, solido il romanzo si legge bene, come tutti quelli di Windham, del resto. Magari non all'altezza dei trifidi ma comunque una sicurezza.
 
26 Dicembre 2009, 17:14:36Commento scritto da maxpullo
Voto: 6.50
Vedere commento a Urania 35 e 307bis
 
27 Ottobre 2005, 23:48:44Commento scritto da grifone58
Voto: 8.50
Un romanzo che non si dimentica, decisamente un classico con la C maiuscola
 
Utenti cui piace il libro
Lyrianne, raffa
Utenti cui non piace il libro