23 Marzo 2017, 18:22:56Commento scritto da capricorno52
Voto: 7.00
Un discreto libro. Una storia di fantascienza "tradizionale" rappresentata con uno stile di prosa semplice e pulita , tipica di Simak. Romanzo scritto nel 1951 , letto oggi , risente per le ambientazioni , il tratteggio dei personaggi del tempo in cui fu scritto.Personalmente ho avuto qualche problema nel seguire il filo del romanzo , forse perchè l' azione di svolge su piu' piani temporali , il presente del protagonista Asher Sutton, il lontano passato ove hanno vissuto i suoi antenati, ed il futuro da dove provengono gli uomini che desiderano la sua morte. Molti sono i temi che l'autore mette sul tappeto, la simbiosi dell' uomo con le altre creature viventi , l'uguaglianza fra uomini ed androidi , lo sciovinismo razziale di parte degli umani. Nel corso del romanzo non sempre vi è coerenza fra questi temi e le azioni del protagonista o degli altri personaggi, questo crea qualche confusione , sicuramente ne perde d'efficacia il messaggio da trasmettere al lettore. Il finale è un forzato "lieto fine" non altezza dei temi trattati. Non il migliore Simak , tuttavia è da premiare la volonta' dell' autore a porre all' attenzione del lettore i temi etici già citati.    
 
26 Febbraio 2017, 10:10:42Commento scritto da leandrin0
Voto: 8.50
Primo approccio con l'autore.
Attratto dall'idea e catturato dallo stile asciutto e sintetico, con dialoghi profusi. Alcune sbavature qua e là, trama a volte non troppo comprensibile (per me) ma, per il resto, un romanzo a parer mio estremamente interessante, dall'atmosfera avvolgente e malinconica.
 
25 Febbraio 2017, 04:02:19Commento scritto da eridian
Voto: 6.50
Romanzo molto apprezzabile se inquadrato nell'epoca in cui è stato scritto. Credo che l'idea degli androidi biologici, distinguibili dagli umani solo per un marchio sulla fronte e per l'incapacità di riprodursi naturalmente, sia piuttosto originale in una fantascienza dominata da robot simili a bidoni della spazzatura. Presenti anche diverse critiche sull'operato umano, quali il volersi affermare come dominante a tutti i costi all'interno dell'ecologia dell'intera galassia, e l'interferire con lo sviluppo del tempo al solo scopo di favorire un determinato gruppo ideologico piuttosto che un altro. Tuttavia lo svolgimento della trama, a tratti noiosa e confusa, spesso si riduce a una pura caccia all'uomo, mentre alcuni concetti che il protagonista ha intenzione di svelare all'umanità, quali le astrazioni simbiotiche e il "destino", sembrano restare oscuri al lettore.
Ripeto: libro da inquadrare nell'epoca in cui è scritto e se si vuole approfondire l'autore.
 
20 Maggio 2015, 15:46:14Commento scritto da emilio
Voto: 5.50
Un Simak che non sembra simak- scusate l'ossimoro, ma trovo questo romanzo più una leggera "spy story" fantascientifica che altro.
 
09 Febbraio 2015, 10:26:09Commento scritto da and
Voto: 7.50
Per essere del 1951 questo romanzo è un vero capolavoro, il mio voto tuttavia si riferisce ad una lettura effettuata 65 anni dopo, e non può che essere positivo ma non altissimo data la costruzione della storia e dei personaggi inevitabilmente un po datata.
 
24 Maggio 2013, 21:05:01Commento scritto da MILES VORKOSIGAN
Voto: 7.00
Simak in questo libro lancia molte tematiche umanistiche, la trama è avvincente, forse un po di indecisione su molti punti della storia a volte non si riesce a capire cosa voglia dire e dove vuole andare, c'è cmq  l'ingenuità di un libro di sf scritto negli anni cinquanta. Tutto sommato un buon romanzo.
 
27 Agosto 2011, 19:25:49Commento scritto da Kolok
Voto: 7.00
Letto ed apprezzato.
Il mio primo romanzo di Simak e credo di aver cominciato col piede giusto :D
In alcuni punti un pelino confuso ma comunque scorrevole.

Bello il modo in cui tante cose acquistino senso col trascorrere delle pagine; trama avvincente con qualche spruzzata di filosofia spicciola umani-androidi.

Soddisfatto.
 
22 Giugno 2011, 18:24:46Commento scritto da brz57
Voto: 9.00
Simak e' uno dei miei autori preferiti, Oltre l'invisibile uno dei primi romanzi di fantascienza letti oltre quarant'anni fa. Rileggerlo e'  un piacere, si ritrovano sempre  antiche sensazioni ed ogni volta si scopre qualche sfacettatura sfuggita in precedenza. A mio avviso quasi un capolavoro.
 
21 Ottobre 2010, 13:32:30Commento scritto da AzeveL
Voto: 7.00
sì,forse a volte un po' ridicolo ma in fondo non mi ha fatto schifo,mi sono piaciuti soprattutto i momenti poetici-campagnoli in classico stile Simak.
 
11 Dicembre 2009, 09:13:01Commento scritto da maxpullo
Voto: 6.00
Incredibilmente fiacco e confuso.
Non tra le cose migliori di Simak
 
30 Giugno 2008, 11:47:00Commento scritto da lonewalker
Voto: 6.50
Decisamente un pò più "difficile" da seguire, comunque bello e ben descritto. Non può non essere letto da chi ama SIMAK.
 
31 Ottobre 2007, 08:31:59Commento scritto da Gundam70
Voto: 8.00
Bello. Fantascienza a tutto tondo: Androidi, viaggi nel tempo, alieni.
Simak e' sempre una lettura consigliata e sicura.
 
30 Agosto 2005, 10:07:58Commento scritto da Lazarus
Voto: 8.00
decisamente bello, avvincente e scorrevole
 
Utenti cui piace il libro
Soci della Tana del Trifide:

Vedi il profilo utente
Utenti cui non piace il libro