11 Dicembre 2009, 08:45:19Commento scritto da maxpullo
Voto: 9.00
Un Evanglisti raramente così ispirato ci regala alcune delle pagine più belle in assoluto di tutta la fantascienza, descrivendoci un Armageddon degno della maestosa figura dell'inquisitore, mai così umano e degno di ammirazione. Nonostante la magia e la grandezza di Cherudek non vengano alla fine superate, la storia dell'assedio al castello di Montiel rimane un capolavoro assoluto, tanto per il clima inquietante che pervade tutta la vicenda quanto per la nuova veste che l'inquisitore sembra assumere e non è un caso se nell'immane e sconvolgente conflitto finale egli si ritroverà a combattere contro dei suoi confratelli domenicani in difesa, paradossalmente alleato ad un saraceno e ad una donna giudea.
La grandezza della storia, oltre che per i riferimenti al golem, alla cabala ebraica, alla demonologia comune di ebrei e cristiani e per le tremende manifestazioni che derivano dai sortilegi di cui è vittima il castello di Montiel, sta nel consueto tentativo di Evangelisti di "razionalizzare" la magia, collegando le avventure medioevali che hanno Eymerich come protagonista con le oscure vicende storiche di un campo di concentramento nazista in cui uno scienziato delle SS è impegnato in grotteschi esperimenti di rianimazione dei cadaveri, sfruttando inconsapevolmente conoscenze dei giudei.
La possibilità di dare la vita alla materia inerte, di animare l'argilla del Golem come pure un collage di parti umane a guisa del mostro di Frankenstein, divengono allora realtà scientifica, anche se nascosta tra le oscure formule di un libro di magia ed il folle universo creato da Evangelisti si arricchisce dell'ultima tessera necessaria per la spiegazione dell'assurdo conflitto tra Rache ed Euroforce: il mosaico.
L'ambiguo finale sembra dapprima restituirci l'Eymerich spietato cui siamo stati abituati: la sua furia incontenibile e la sua tremenda vendetta sui nemici sono infatti terribili, ma subito dopo ce lo rifa vedere trasfigurato, mentre compie un atto davvero insolito per la sua natura.
Speriamo davvero di poter rivedere prestissimo una nuova avventura di Nicolas Eymerich
 
25 Febbraio 2007, 19:58:12Commento scritto da favoloso22
Voto: 6.50
Non è certo il miglior Evangelisti/Eymerich, ma un voto negativo al fantastico duo.... MAI!
 
24 Aprile 2006, 14:40:35Commento scritto da cat
Voto: 7.00
E' buono, ma Evangelisti sta progressivamente perdendo di originalità, in favore di operazioni consumistiche ( vedi Nostradamus)
 
Utenti cui piace il libro
Utenti cui non piace il libro